Ftse 100 su forte resistenza, sterlina su supporto

Ftse 100 su forte resistenza, sterlina su supporto. Il Ftse 100 ha toccato con i massimi del 13 e del 16 settembre di area 7380 il 50% di ritracciamento del ribasso dal massimo d fine luglio. Il 50% di ritracciamento di un movimento precedente puo' rappresentare un punto nodale per il grafico, movimenti fino in quell'area sono da considerare "correttivi", ovvero rischiano di dimostrarsi temporanei, di non interrompere la tendenza precedente.

 

La rottura del 50% di ritracciamento invece e' un primo importante passo verso la costruzione di una tendenza autonoma, che sia capace di svilupparsi in modo indipendente dalla precedente, magari anche andandone a superare l'origine. Fino a che area 7380 non sara' alle spalle quindi il rimbalzo in atto dai minimi di agosto sara' da guardare con cautela, addirittura potrebbe anche dimostrarsi terminato sui massimi di venerdi'. Oltre area 7380 invece almeno il test di area 7460, 61,8% di ritracciamento (gradino successivo al 50% nella scala di Fibonacci) diverrebbe probabile.

 

Allargando l'orizzonte dell'analisi e utilizzando la teoria delle onde di Elliott possiamo ipotizzare di avere visto con le oscillazioni a partire dal massimo di gennaio 2018 i primi 2/3 della fase correttiva del rialzo in atto dai minimi del 2016. La correzione, secondo Elliott, si sviluppano in 3 segmenti, due contrari alla direzione del trend che viene corretto, le onde A e C, e uno nella stessa direzione, la onda A. Tra gennaio e dicembre 2018 si sarebbe completata la onda A, tra dicembre 2018 e luglio 2019 la onda B, il ribasso successivo potrebbe essere quindi l'inizio di una C ribassista.

 

L'onda C si compone sempre di 5 onde, la violenta discesa realizzatasi ad agosto potrebbe dimostrarsi l'onda 1 di C, il rimbalzo culminato venerdi' a 7380 punti l'onda 2. Dal momento che l'onda 2 spesso ritraccia piu' del 50% della 1 e' ancora possibile che in realta' l'onda 2, che come tutte le onde correttive si compone di tre segmenti, non sia in realta' gia' terminata ma ne sia terminata solo la prima parte, quindi la a di 2 di C. Fino a che i prezzi rimarranno al di sopra dei minimi di agosto a 7020 punti questa ipotesi non si potra' escludere.

 

Oltre 7380 quindi l'indice potrebbe vivere ancora una fase di rialzo, ingannevole perche' potrebbe anche arrivare vicino ai massimi di luglio (ma con una prima forte resistenza gia' a 7460), prima della ripresa del ribasso. La mancata rottura di 7380 e la violazione di 7020 lascerebbero invece spazio ad un ribasso diretto almeno fino sui minimi di dicembre 2018 a 6536 punti.

 

Operativamente quindi si potrebbero immaginare operazioni al ribasso gia' sui livelli attuali, con stop subito sopra i 7380 punti, da incrementare poi alla violazione di 7020. Oltre 7380 possibili invece acquisti ma solo di breve termine.

 

Da notare che tendenzialmente il grafico di euro sterlina e quello del Ftse 100 hanno un andamento opposto. Su euro sterlina si e' creato un forte supporto a 0,8850, dove transita la base del canale ribassista che parte dai massimi del 12 agosto. La rottura di 0,89 sarebbe un segnale di debolezza per la sterlina che potrebbe anticipare il test del lato alto del canale citato, a 0,9025 circa, un movimento al quale dovrebbe corrispondere una discesa del Ftse 100.

 

La violazione di 0,8850 da parte del grafico di euro sterlina invece fornirebbe un nuovo segnale di forza per la sterlina al quale dovrebbe fare seguito un rialzo del Ftse 100, con probabile rottura di 7380.