Blockchain: Il Nuovo Paradigma

LA DEFINIZIONE DI BLOCKCHAIN 

Blockchain, letteralmente “catena di blocchi”, è un paradigma tecnologico che permette di sviluppare applicazioni “Cryptocurrency-like” delle quali il protocollo Bitcoin rappresenta una delle prime applicazioni concrete.

Il nome deriva dalla sua natura distribuita: ogni nodo del network svolge un ruolo nella verifica delle informazioni, inviandole al successivo in una catena composta da blocchi, blockchain appunto.

Il modello si basa sulla combinazione tra firma digitale e marca temporale (timestamp): la prima garantisce che mittente e destinatario di un qualsiasi tipo di messaggio (ad esempio una transazione monetaria) sia identificato in modo certo, il secondo permette che un insieme di messaggi, validato con la marca temporale da parte di un nodo scelto casualmente da un robusto modello matematico, venga comunicato e scritto nel registro di tutti gli altri nodi della rete e reso irreversibile. Si tratta di un vero e proprio un registro pubblico e condiviso, un libro contabile che si aggiorna automaticamente su ciascuno dei nodi che partecipano alla rete. Tutte le operazioni effettuate sono confermate dai singoli nodi attraverso software di crittografia che verificano un pacchetto di dati definiti a chiave privata, utilizzato per firmare le transazioni e per poterle controllare in qualsiasi momento. Tutto il sistema garantisce l'identità digitale di chi ha autorizzato gli scambi e la caratteristica principale del processo è che il funzionamento non è garantito da un ente centrale, bensì ogni singola transazione viene validata dall’interazione di tutti i nodi. Le transazioni che avvengono all’interno della rete vengono così registrate e validate eliminando in definitiva la necessità di terze parti “fidate”.

POSSIBILI APPLICAZIONI DI BLOCKCHAIN 

La tecnologia blockchain funziona dal 2009 ed è stata ampiamente testata dai bitcoin. Blockchain è tuttavia un protocollo trasversale: non tocca solo un settore, ma molti ambiti anche molto diversi tra loro.

  1. Settore finanziario. L’ambito finanziario è in generale quello più attivo sul tema blockchain. Le banche e la finanza si basano sullo scambio di valori attraverso sistemi complessi di regolamentazione per garantire l’autenticità delle transazioni:  la tecnologia blockchain offre quindi grandi benefici in termini di semplificazione, sicurezza, abbattimento dei costi, eliminazione di terze parti. 
  2. Identità digitale. Una sperimentazione interessante è quella di Bitnation, che mira a riconoscere l’identità e i diritti dei rifugiati a livello transnazionale, fornendo loro atti di proprietà basati sulla tecnologia blockchain.
  3. Transazioni di valori mobiliari e immobiliari attraverso un registro distribuito.
  4. Leasing e compravendita di automobili
  5. Networking e IoT. IBM e Samsung stanno lavorando su un concetto di rete decentrata, noto come ADEPT, che utilizza una tecnologia simile alle blockchain per gestire la comunicazione tra dispositivi anche senza un sistema di controllo centrale.
  6. Assicurazioni. Attraverso la tecnologia blockchain è possibile sottoscrivere micro assicurazioni personalizzate su prodotti ad alto valore scambiati tra individui eliminando l’intervento di un’autorità garante nel contratto di assicurazione.
  7. Sanità. Le blockchain applicate al settore della sanità permettono a ospedali e ad altre strutture sanitarie di condividere l’accesso ai loro network senza compromettere la sicurezza e l’integrità dei dati.
  8. Beneficenza e ONG. L’utilizzo della blockchain permette di monitorare con precisione la tracciabilità dei fondi provenienti dalle donazioni di privati o aziende in modo da ottenere una gestione più efficiente e trasparente del denaro.
  9. Supply Chain Management. Uno degli aspetti più interessanti della tecnologia blockchain è che consente un controllo più sicuro e trasparente delle operazioni nella catena produttivo-logistica. Le catene di approvvigionamento e fornitura sono fondamentalmente una serie di nodi transazionali che permettono di trasferire e spostare i prodotti dalla fabbrica al punto vendita. Grazie alla blockchain, infatti, le transazioni che intercorrono tra i diversi operatori di una filiera (dalla produzione alla vendita) possono essere documentate in un registro decentralizzato riducendo così i costi di trascrizione, i ritardi e i possibili errori umani.
  10. Legittimazione del voto elettorale. La blockchain può garantire il monitoraggio e il conteggio dei voti, eliminando il rischio di qualsiasi tentativo di frode elettorale, perdita di dati e voti.
  11. Scuola e mondo accademico. L’utilizzo di registri distribuiti permette di assicurare una maggior trasparenza nella gestione dei certificati accademici e nella trascrizione di crediti legittimamente guadagnati dagli studenti.
  12. Analisi finanziarie, scommesse sportive e attività di previsione.
  13. Enti governativi e pubblica amministrazione. La Pubblica Amministrazione e in generale la gestione del sistema del welfare sono settori nei quali le blockchain possono contribuire a semplificare le procedure di erogazione degli aiuti e garantire una miglior governance pubblica delle iniziative.
  14. Archiviazione di dati nel cloud.  Le soluzioni di cloud storage basate sui distributed ledger abilitano l’archiviazione decentrata e permettono di ridurre l’esposizione del sistema ad attacchi che possono causare danni sistemici, la perdita o la diffusione dei dati immagazzinati.