Piazza Affari sottotono: brilla STM, male i bancari. FTSE MIB +0,10%

11/09/2019 17:45:18

Piazza Affari sottotono: brilla STM, male i bancari. FTSE MIB +0,10%.


Mercati azionari europei in rialzo. Wall Street positiva: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,3%, NASDAQ Composite +0,6%, Dow Jones Industrial +0,3%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,10%, il FTSE Italia All-Share a +0,16%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,62%, il FTSE Italia STAR a +1,21%.

BTP in recupero nel finale, spread in calo. Il rendimento del decennale segna 0,98% (chiusura precedente a 0,99%, massimo odierno 1,06%), lo spread sul Bund segna 154 bp (da 156) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo che l'EIA (Energy Information Administration) ha comunicato che, nella settimana terminata lo scorso 6 settembre, le scorte di petrolio negli USA sono diminuite di 6,912 mln di barili. Le stime degli analisti erano fissate su un decremento pari a 2,686 mln di barili. L'indice grezzo dei prezzi alla produzione USA ha evidenziato, nel mese di agosto, un incremento dello 0,1% su base mensile dopo un incremento dello 0,2% nel mese precedente (consensus +0,1%). Su Base annuale il PPI è salito del +1,8% dal +1,7% precedente (consensus +1,7%). Il Census Bureau ha comunicato che negli USA l'indice delle scorte all'ingrosso a luglio (dato finale) ha fatto segnare una crescita dello 0,2% m/m, in linea con le attese degli economisti e con la stima preliminare, ma in crescita rispetto al +0,0% di giugno. L'Istituto Nazionale di Statistica spagnolo ha comunicato che la produzione industriale in Spagna in luglio è cresciuta dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2018 dal +1,6% della rilevazione di giugno (rivista da +1,8%). Gli analisti avevano stimato un decremento della produzione industriale dell'1,5% su base annuale.

Acquisti su STM +3,99% in scia alla presentazione dell'iPhone 11 avvenuta ieri. Apple (+1,18% ieri al NASDAQ, +2,2% oggi) sembra intenzionata a sfidare la concorrenza sui prezzi, mentre in passato si era sempre posizionata sul livello più alto, senza mai mettere in discussione il pricing dei suoi prodotti. STM (che ha in Apple un importante cliente) potrebbe beneficiare del probabile incremento dei volumi di vendita del gruppo di Cupertino.

Bancari in netto calo: cancellato il buon progresso visto in mattinata. L'indice FTSE Italia Banche segna -1,04%. L'EURO STOXX Banks limita le perdite a -0,5%. Gli analisti di Keefe Brunette & Woods stimano per gli istituti italiani una flessione degli utili 2021 tra l'1 e il 5 per cento qualora la BCE dovesse ridurre i tassi dello 0,10% nella riunione di domani. Gli esperti fanno però notare che l'Eurotower potrebbe mitigare l'effetto negativo con un'appropriata modulazione del tiering sui depositi. Anche l'ABI (Associazione Bancaria Italiana) in una lettera odierna al presidente della BCE Mario Draghi ha evidenziato su questo ultimo punto. Sotto pressione Banco BPM -2,34%, FinecoBank -2,25%, UBI Banca -1,97%, Unicredit -1,25%, Intesa Sanpaolo -0,73%.

Buona performance per Prysmian +3,00% che sale sui massimi da quasi un anno. Ieri il gruppo attivo nella produzione di cavi per l'energia e le telecomunicazioni ha confermato la costruzione della nuova nave posacavi tra le più avanzate al mondo (la Leonardo da Vinci) affidata ai cantieri navali Vard, (gruppo Fincantieri). La nuova nave sarà completamente operativa entro il secondo trimestre 2021.

CNH Industrial +2,47% in rialzo grazie ai dati sulle della Association of Equipment Makers americana: le immatricolazioni di attrezzature agricole negli USA ad agosto hanno evidenziato una buona crescita, segnando oltretutto un'inversione di tendenza rispetto a giugno e luglio.

FCA -1,21% debole dopo le dichiarazioni del CEO di Renault (-1,5% a Parigi), Thierry Bolloré: la proposta di fusione avanzata dal Lingotto non è più sul tavolo, è un'occasione mancata, ora siamo concentrati sulla revisione dell'allenza con Nissan (+3,00% stamattina a Tokyo).

Buzzi Unicem +2,32% accelera e tocca i massimi da luglio 2018, favorito dalla buona intonazione del settore europeo: l'indice EURO STOXX Construction & Materials segna +0,4%. L'indice FTSE Italia Edilizia e Materiali segna invece +2,02%. I titoli italiani del settore potrebbero essere favoriti dal clima più disteso nel governo (almeno in questi primi giorni del Conte-bis).

Leonardo, +1,65% a 11,68 euro, positiva grazie all'adesione dell'Italia all'accordo tra la difesa britannica e la Svezia sul Combat Air System Tempest, il caccia di nuova generazione annunciato dal Regno Unito come possibile sostituto dell'Eurofighter Typhoon. Banca IMI ritiene che la notizia sia positiva e conferma la raccomandazione add e il target a 12,80 euro.

Telecom Italia +1,09% tocca i massimi da inizio agosto grazie a JP Morgan: gli analisti della banca USA hanno migliorato la raccomandazione sul titolo da neutral a overweight. Ieri Telecom aveva chiuso a +0,80% dopo l'accordo strategico con la compagnia telefonica statunitense Broadcom su un portafoglio di licenze. In particolare si prevede che le soluzioni tecnologiche, software e hardware, della società di San José siano applicate alle soluzioni infrastrutturali per le imprese offerte da TIM.

Technogym +7,47% accelera al rialzo grazie a Equita. Gli analisti del broker hanno migliorato la raccomandazione sul titolo da hold a buy. Ieri il gruppo attivo nel settore del wellness ha comunicato i risultati del primo semestre 2019: ricavi a 295 milioni di euro (+8,2% a/a), utile netto adjusted a 26,8 milioni (+6,4% a/a).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com