Piazza Affari sotto la parità, sale lo spread su tensioni Eurogruppo. FTSE MIB -0,6%

08/04/2020 09:45:33

Piazza Affari sotto la parità, sale lo spread su tensioni Eurogruppo. FTSE MIB -0,6%.


Il FTSE MIB segna -0,6%, il FTSE Italia All-Share -0,4%, il FTSE Italia Mid Cap +0,9%, il FTSE Italia STAR +0,9%.

BTP e spread in netto peggioramento
dopo la mancata intesa nell'Eurogruppo su MES e coronabond. Il rendimento del decennale segna 1,76% (chiusura precedente a 1,61%), lo spread sul Bund 209 bp (da 194) (dati MTS).

Mercati azionari europei negativi: Euro Stoxx 50 -1,2%, FTSE 100 -0,9%, DAX -0,5%, CAC 40 -1,4%, IBEX 35 -1,2%.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,16%, NASDAQ Composite -0,33%, Dow Jones Industrial -0,12%.

Mercato azionario giapponese in progresso, il Nikkei 225 ha terminato a +2,13%. Borse cinesi deboli: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,47%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,3% circa.

I bancari prolungano la correzione partita ieri a metà seduta circa. L'indice FTSE Italia Banche segna -1,1%, l'EURO STOXX Banks -2,2%. A Milano Mediobanca -1,6%, UniCredit -1,5%, UBI Banca -1,1%, Intesa Sanpaolo -1,1%, BPER Banca -1,4%, Banco BPM -1,1%.

In rosso i petroliferi ENI -0,9%, Tenaris -0,7%, Saipem -1,3%. Il greggio ridimensiona il rimbalzo e si riavvicina ai minimi di ieri sera. Il future giugno sul Brent segna 32,60 $/barile (da 31,80 circa), il future maggio sul WTI 24,85 $/barile (da 23,60 circa).

Segni meno anche tra le utility con Enel -1,7% sotto pressione. Spread e rendimenti tornano a salire dopo la mancata intesa nell'Eurogruppo su MES e coronabond: la trattativa riprenderà domani.

Bene gli industriali con Leonardo +4,6% ancora in evidenza su ipotesi di conferma del dividendo. Positive anche Pirelli +2,3%, CNH +2,3%, FCA +1,4%, Maire Tecnimont +5,5%, Piaggio +6,5%, Brembo +3,3%.

Segni positivi nel risparmio gestito in scia ai buoni dati sulla raccolta di marzo pubblicati ieri. In evidenza Banca Mediolanum +3,2% con una raccolta netta record pari a 1,37 miliardi di euro, favorita dai forti flussi nel risparmio amministrato in scia alla "promozione appena conclusasi attraverso cui abbiamo offerto ai clienti in Italia il 2% lordo sulle nuove masse vincolate in conto corrente". Bene anche Azimut +3,1%, Banca Generali +1,6%, Anima Holding +0,9%.

Diasorin +3,1% si conferma tonica dopo che ieri mattina ha annunciato di aver completato presso il Policlinico San Matteo di Pavia gli studi necessari al lancio di un nuovo test sierologico ad alto volume di processamento per rilevare la presenza di anticorpi nei pazienti infettati dal SARS-CoV-2. Il test è stato studiato per rispondere all'esigenza di individuare nella popolazione i soggetti che sono già stati infettati dal virus (e che hanno sviluppato una risposta immunitaria), la cui diagnosi non sia stata effettuata attraverso l'esecuzione di un tampone e di un test di diagnostica molecolare.

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 16:30 scorte settimanali petrolio (EIA), alle 20:00 verbali FOMC (Fed).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com