Piazza Affari in rosso, scenario macro in peggioramento. FTSE MIB -0,46%

09/04/2019 17:45:51

Piazza Affari in rosso, scenario macro in peggioramento. FTSE MIB -0,46%.


Mercati azionari europei negativi. Wall Street in flessione: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,5%, NASDAQ Composite -0,3%, Dow Jones Industrial -0,7%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,46%, il FTSE Italia All-Share a -0,52%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,93%, il FTSE Italia STAR a -0,34%.

BTP in deciso progresso, scende lo spread. Il decennale rende il 2,58% (-6 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 258 bp (-5 bp) (dati MTS).

La crescita programmatica del PIL dell'Italia nel 2019 è stimata allo 0,2% con un rapporto debito/PIL al 132,7% (dal 132,2% del 2018 in termini tendenziali, ovvero senza le misure attualmente allo studio dell'esecutivo). Il deficit/PIL è atteso al 2,4% dal 2,04% indicato lo scorso dicembre. Negli anni successivi è però previsto un calo di entrambi gli indicatori. E' quanto emerge dall'ultima bozza del Documento di Economia e Finanza.

Il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le stime di crescita mondiale 2019 dal +3,5% previsto a gennaio a +3,3%. Invariato il +3,6% atteso per il 2020. L'eurozona passa a +1,3% da +1,6%, l'Italia a +0,1% da +0,6%. Gli USA a +2,3% da +2,5%. Migliorano lievemente le prospettive della Cina: +6,3% da +6,2%.

"L'organizzazione mondiale del commercio (WTO) ha rilevato che i sussidi dell'Unione Europea ad Airbus hanno avuto un impatto negativo sugli Stati uniti, che ora imporranno dazi da 11 miliardi di dollari sui prodotti europei! L'Unione Europea si è approfittata per molti anni degli Stati Uniti sul commercio. Finirà presto!", lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un tweet di oggi, preannunciando un nuovo scontro sui dazi con Bruxelles.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA l'indagine JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) segnala che le posizioni lavorative ricercate dai datori di lavoro a febbraio si sono attestate a 7,087 milioni, inferiori ai 7,625 milioni di gennaio (rivisto da 7,581 milioni unità) e ai 7,550 milioni attesi dagli economisti. In Italia l'Istat rende noto che a febbraio 2019 si stima, per le vendite al dettaglio, un aumento congiunturale dello 0,1% in valore e una diminuzione di analoga entità in volume. Su base annua, le vendite al dettaglio aumentano dello 0,9% in valore e dello 0,3% in volume. Nel trimestre dicembre 2018-febbraio 2019 le vendite al dettaglio registrano un contenuto aumento, rispetto ai tre mesi precedenti, dello 0,1% in valore e dello 0,2% in volume.

Prysmian -4,78% in netta flessione dopo la notizia di nuovi problemi a Western Link: il sistema che trasporta energia dalla Scozia verso Inghilterra e Galles è stato messo fuori servizio dall'attivazione del sistema di protezione "durante l'esecuzione di ulteriori commissioning test". Western Link era tornato operativo lo scorso 23 marzo dopo lo stop del 20 febbraio causato dall'ennesimo guasto.

Petroliferi in arretramento: il greggio corregge dopo aver toccato in mattinata i massimi da novembre. Il future giugno sul Brent segna 70,75 $/barile (da 71,35 circa), il future maggio sul WTI segna 64,05 $/barile (da 64,80 circa). Male Saipem -3,90% e Tenaris -2,67%, mentre Eni +0,47% mantiene parte dei guadagni visti nella prima parte della seduta.

Leonardo -2,14% debole dopo che gli USA hanno minacciato dazi per 11 miliardi di dollari su importazioni provenienti da Francia, Spagna, Germania e Regno Unito e relative tra gli altri ad aerei, componenti di aerei ed elicotteri.

Technogym, -4,43% a 10,35 euro, in netta flessione dopo che la controllante Wellness Holding (facente capo al fondatore, presidente e a.d. Nerio Alessandri) ha ceduto il 6,96% del capitale a 10,30 euro per azione, incassando complessivamente 144,2 milioni di euro. L'operazione è stata effettuata attraverso una procedura di accelerated bookbuilding riservata a investitori qualificati in Italia e istituzionali all'estero. Wellness Holding detiene ora il 44,78% del capitale sociale e il 61,86% dei diritti di voto.

Salini Impregilo -4,22% in fisiologico ritracciamento dopo il balzo messo a segno alla fine della scorsa settimana grazie alle ottime notizie giunte dall'Australia. Il consorzio Future Generation, di cui il gruppo italiano ha una quota del 65% (il rimanente del 35% è in capo all'australiana Clough), ha firmato un contratto da 5,1 miliardi dollari australiani (pari a € 3,228 miliardi) per la realizzazione dei lavori di ingegneria civile e elettromeccanica di Snowy 2.0. La quota di Salini Impregilo è pari a 3,315 miliardi di dollari australiani (2,098 miliardi di euro). Con questo progetto il totale di ordini acquisiti (o in via di finalizzazione) del primo trimestre 2019 per Salini Impregilo ammonta a 3,9 miliardi di euro. Il titolo ha beneficiato anche delle dichiarazioni dell'a.d. Pietro Salini a Reuters: sono aperti tavoli di trattativa con Cdp e banche per la creazione di un polo nazionale nel settore costruzioni.

Sale ancora Poste Italiane +0,36%, che per la quarta seduta consecutiva fa segnare nuovi massimi storici: oggi ha toccato i 9,07 euro. Ieri Deutsche Bank ha avviato la copertura con raccomandazione buy e target price a 10 euro. E' l'ultimo di una serie di report positivi dopo la pubblicazione dei dati 2018 (superiori ai target del piano Deliver 2022 e sopra il consensus).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com