Piazza Affari negativa, bancari e petroliferi sotto pressione. Sale lo spread. FTSE MIB -1,1%

15/04/2020 09:45:50

Piazza Affari negativa, bancari e petroliferi sotto pressione. Sale lo spread. FTSE MIB -1,1%.


Il FTSE MIB segna -1,1%, il FTSE Italia All-Share -1,2%, il FTSE Italia Mid Cap -1,0%, il FTSE Italia STAR -0,5%.

BTP e spread in ulteriore netto peggioramento.
Il rendimento del decennale segna 1,84% (chiusura precedente a 1,75%), lo spread sul Bund 225 bp (da 213) (dati MTS).

Mercati azionari europei negativi: Euro Stoxx 50 -1,3%, FTSE 100 -0,7%, DAX -1,2%, CAC 40 -1,2%, IBEX 35 -1,3%.

Future sugli indici azionari americani in calo: S&P 500 -1,1%, NASDAQ 100 -0,7%, Dow Jones Industrial -1,0%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +3,06%, NASDAQ Composite +3,95%, Dow Jones Industrial +2,39%.

Mercato azionario giapponese in leggera flessione, il Nikkei 225 ha terminato a -0,41%. Borse cinesi deboli: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,71%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,1% circa.

Bancari in ulteriore flessione con rialzo spread e aumento rischio deterioramento credito dopo le pessime previsioni FMI sul PIL 2020 Italia. L'indice FTSE Italia Banche segna -2,1% dopo il -3,3% di ieri. UniCredit -4,2% si conferma sotto pressione, seguita da FinecoBank -2,1%, Banco BPM -1,9%, BPER Banca -2,3%.

Petroliferi in rosso con il greggio vicino ai minimi dal 2002-2003 toccati a fine marzo: Eni -2,4%, Saipem -2,8%, Tenaris -1,6%. Il future giugno sul Brent segna 29,00 $/barile, il future maggio sul WTI 20,00 $/barile.

ASTM -6,4% in forte ribasso. Ieri il cda ha approvato il bilancio 2019 (volume d'affari +20,6% a/a, EBITDA +4,1% a/a, utile netto normalizzato +2,3% a/a, niente dividendo). Pesante la flessione dei volumi di traffico registrati sulla rete di competenza: nel trimestre gennaio-marzo 2020 si evidenzia un calo di circa il 20,4% a/a, nel solo mese di marzo del 61,0% a/a. Il cda prevede che le ripercussioni sui volumi di traffico legate all'emergenza coronavirus saranno presumibilmente di entità significativa almeno nei primi due trimestri dell'anno.

Diasorin +2,6% si conferma in ottima forma dopo il record storico toccato ieri. Secondo indiscrezioni del Fatto Quotidiano il gruppo ha siglato lo scorso 20 marzo un accordo con il Policlinico San Matteo di Pavia per la valutazione di due test covid19 (un molecolare e uno sierologico) in cambio di rolyalties sul solo test sierologico. Una settimana fa DiaSorin aveva annunciato di aver completato presso il Policlinico San Matteo di Pavia gli studi necessari al lancio di un nuovo test sierologico ad alto volume di processamento per rilevare la presenza di anticorpi nei pazienti infettati dal SARS-CoV-2. DiaSorin attende entro fine aprile l'approvazione CE e FDA EUA di un innovativo test molecolare per l'identificazione rapida del nuovo coronavirus.

Guadagnano ulteriore terreno anche Moncler +2,6% e Brunello Cucinelli +2,0%, quest'ultima in scia a dati preliminari di vendita nel primo trimestre in calo ma tutto sommato confortanti. Moncler pubblicherà i dati preliminari sui ricavi trim1 il 22 aprile.

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: alle 10:00 inflazione Italia.
Negli USA alle 14:30 vendite al dettaglio, indice Empire State Manufacturing, alle 15:15 produzione industriale, alle 16:00 scorte delle imprese e indice NAHB (mercato immobiliare residenziale), alle 16:30 scorte settimanali petrolio e derivati (EIA), alle 20:00 Beige Book (Fed), alle 22:00 acquisti attività finanziarie a lungo termine.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com