Banco BPM conclude con successo l'emissione Additional Tier 1 per 400 mln euro

15/01/2020 08:33:10

Banco BPM S.p.A. comunica di aver portato a termine con successo l'emissione di uno strumento Additional Tier 1 per un ammontare pari a 400 milioni di euro, destinata agli investitori istituzionali. L'operazione s'inserisce nell'ambito dell'efficientamento della propria struttura di capitale. I titoli sono perpetui e potranno essere richiamati dall'emittente, in base a quanto stabilito dalla normativa in vigore, a partire dal 21 gennaio 2025; in caso di non richiamo, la call potrà essere esercitata successivamente ogni 6 mesi (sulla data di stacco cedola). La cedola è semestrale, non cumulativa e rispetto ad una prima indicazione di 6,75/6,875% è stata fissata al 6,125%, grazie al notevole volume di ordini ricevuto da più di 300 investitori istituzionali provenienti dall'Europa e dall'Asia. Il successo di questa operazione testimonia la fiducia del mercato internazionale verso il Gruppo Banco BPM. L'emittente ha la facoltà di rimborso anticipato prevista per il 21 gennaio 2025, qualora non venisse esercitata, una nuova cedola a tasso fisso verrà determinata, sommando lo spread originario al tasso mid swap in euro a 5 anni da rilevarsi al momento della data di ricalcolo. Tale nuova cedola resterà fissa per i successivi 5 anni (fino alla successiva data di ricalcolo). Il pagamento della cedola è totalmente discrezionale e soggetto a talune limitazioni. Il titolo prevede un meccanismo di riduzione a titolo temporaneo del valore nominale qualora il coefficiente del capitale primario di classe 1 della Banca o del Gruppo (CET1 Ratio) divenisse inferiore al 5,125%. Il titolo verrà quotato sul sistema multilaterale di negoziazione della Borsa del Lussemburgo (Euro MTF). Al termine del collocamento, i titoli sono stati allocati prevalentemente a fondi (59%), banche (20%), Hedge Funds (17%). In termini di distribuzione geografica, Regno Unito e Irlanda (32%), Francia (16%), Italia (15%) Asia (10%), Svizzera (9%) e Germania (8%) hanno ottenuto la maggior parte dell'assegnazione finale. Citi ha agito in qualità di Global Coordinator e Joint Bookrunner, insieme a Banca Akros (parte correlata dell'emittente1), Barclays, BNP Paribas, Credit Suisse e Morgan Stanley in qualità di Joint Bookrunners.

RV - www.ftaonline.com