Piazza Affari in verde. Balzo Atlantia su possibile accordo con Cdp

Piazza Affari in verde. Balzo Atlantia su possibile accordo con Cdp su AspI. FTSE MIB +0,3%. Il FTSE MIB segna +0,3%, il FTSE Italia All-Share +0,2%, il FTSE Italia Mid Cap +0,0%, il FTSE Italia STAR +0,3%.

BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,65% (chiusura precedente a 0,68%), lo spread sul Bund 121 bp (da 122) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti: EURO STOXX 50 -0,1%, FTSE 100 +0,4%, DAX +0,1%, CAC 40 -0,0%, IBEX 35 +0,1%.

Future sugli indici azionari americani in lieve rialzo: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,63%, NASDAQ Composite -0,10%, Dow Jones Industrial -0,55%.

Mercato azionario giapponese in leggero progresso, l'indice Nikkei 225 ha terminato a +0,11%. Borse cinesi sotto la parità: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,66%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,0% circa.

Atlantia +9,0% balza in avanti dopo che la holding dei Benetton ha confermato la propria disponibilità a valutare un’eventuale proposta da parte di Cdp e investitori nazionali e internazionali per l’acquisto dell’integrale pacchetto azionario (pari all’88,06%) della controllata Autostrade per l’Italia, concedendo un periodo di esclusiva fino al prossimo 18 ottobre. Secondo il Messaggero Cdp guida una cordata con Blackstone e Macquarie disposta a mettere sul piatto 8-10 miliardi di euro. L'eventuale accordo non prevedrebbe la famigerata manleva rispetto alle cause legali in capo ad AspI. L'offerta dovrebbe arrivare il 18 per poi essere esaminata dal cda di Atlantia il 19.

Banco BPM +3,2% guadagna terreno: con la nomina di Pier Carlo Padoan a presidente designato di UniCredit +0,8% per il triennio 2021-2023 secondo indiscrezioni di stampa aumentano le possibilità di acquisizione di Banca MPS da parte dell'istituto guidato da Jean Pierre Mustier. Questo lascerebbe libero il campo a Credit Agricole per l'acquisizione di BPM, operazione di cui si vocifera da circa due settimane.

Pesante flessione per Banca MPS -4,9%. MF scrive che il governo italiano potrebbe chiedere alla Commissione Europea un proroga di due anni per l'uscita del Tesoro dal capitale di Rocca Salimbeni (ha il 68% circa). Il termine per la vendita della partecipazione è attualmente fissato a fine 2021 (con indicazione del percorso entro fine 2020) ma le difficoltà nella ricerca di un compratore sono maggiori del previsto: BNP Paribas e Credit Agricole non sono interessate mentre UniCredit chiede compensazioni per il rischio derivante dalle cause legali in capo a MPS (il petitum ammonta a 10 miliardi di euro).

Juventus FC +2,5% a 0,7750 euro recupera dopo l'affondo di ieri: a metà pomeriggio il titolo ha perso improvvisamente terreno scivolando a 0,7204 euro, i minimi da marzo, per poi ridurre le perdite e chiudere a 0,7566 (-2,22%). L'affondo è arrivato subito dopo la comunicazione della federazione portoghese della positività al COVID-19 di Cristiano Ronaldo nel ritiro della nazionale lusitana. Il calciatore, in forza al club bianconero con un ingaggio di circa 30 milioni di euro netti a stagione, è asintomatico ma resterà in isolamento in Portogallo almeno fino a fine settimana. Dovrebbe sottoporsi a un tampone non prima di cinque giorni: in caso di negatività, si potrebbe valutare un rientro in Italia. Nella migliore delle ipotesi CR7 salterà la prossima partita di campionato, Crotone-Juventus di sabato prossimo, e il debutto in Champions League, martedì prossimo a Kiev con la Dinamo. Possibile il rientro per Juventus-Hellas Verona del 25 ottobre, mentre per sfidare Messi in Juventus-Barcellona di Champions del 28 ottobre Cristiano Ronaldo dovrà inviare entro il 21 ottobre alla UEFA un documento che attesti la negatività al COVID-19.

TITOLO DEL GIORNO: AUTOGRILL
 Autogrill in forte ribasso martedì dopo che Citigroup ha deciso di peggiorare la raccomandazione sul titolo da neutral a sell con target a 2,50 euro. Secondo gli analisti della banca americana il prezzo attuale del titolo e le aspettative di ripresa del business incorporate nelle stime di consensus siano decisamente troppo ottimistici. Gli esperti ritengono inoltre che il free cash flow sia "troppo debole per ridurre significativamente il debito nel medio termine". Il titolo tocca un minimo intraday a 3,466 euro dopo aver terminato lunedì a 3,902 euro. Le quotazioni sono scese quindi al di sotto del minimo del 7 agosto a 3,72 euro dal quale era partito il rimbalzo culminato il 4 settembre a 4,714 euro. Difficile ora evitare il test del minimo del 18 marzo a 3,142 euro. In caso di violazione anche di quei livelli atteso il test di 2,675, minimo del luglio 2012, supporto critico in quanto base della candela settimanale di tipo "hammer" dalla quale si era ralizzato un prolungato rialzo. Solo recuperi al di sopra di area 4 euro potrebbero segnalare un allentamento delle pressioni ribassiste e fare sperare nel test della resistenza a 4,21, top dell'8 ototbre e media mobile esponenziale a 50 giorni. In caso di superamento anche di quei livelli atteso il test di area 4,50 euro.
DATI ATTESI:
Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: alle 10:00 intervento Lagarde (BCE),alle 11:00 produzione industriale eurozona.
Negli USA alle 14:30 indice prezzi alla produzione, alle 22:30 scorte settimanali petrolio (API).