Enel perde terreno mercoledi'

Enel perde terreno mercoledi' in vista della possibile cessione della quota del 50% in Open Fiber. Secondo indiscrezioni di stampa dopo agosto potrebbe essere avviata una gara. Sul dossier oltre a Macquarie potrebbe entrare anche Telecom Italia che a sua volta potrebbe cedere a KKR il 38% della sua rete secondaria (Fibercop): l'offerta del private equity potrebbe essere analizzata nel cda per l'approvazione dei conti al 30 giugno in programma il prossimo 4 agosto. In attesa dei conti Banca Akros ha confermato la raccomandazione "accumulate" con prezzo obiettivo a 9 euro. Gli esperti avvertono che il titolo e' stato molto forte nelle ultime settimane e potrebbe andare incontro ad alcune prese di profitto. Le quotazioni sono scese mercoledi' fino a 7,729 euro per poi risalire in area 7,85 (close martedi' a 7,90). Fino a che il titolo si manterra' al di sopra del minimo del 1° luglio a 7,57 (candela di tipo "hammer", un ottimo supporto) restera' possibile che il ribasso visto dal top del 21 luglio sia appunto una fase di profit taking destinata a lasciare spazio alla ripresa del rialzo. Oltre 8,10, lato alto del gap ribassista del 24 luglio, atteso nuovo test di 8,54, massimo del 21 luglio, e di 8,61, massimo del 19 febbraio. Sotto area 7,70 primo supporto a 7,57, in caso di violazione target a 7,40, base del gap del 16 giugno, e a 7 euro circa.