Editoriali

  • 02/07/2020 - 11:28
    393392

    Il mese di giugno si chiude con un saldo positivo per la borsa mondiale, l'indice MSCI World quotato in dollari Usa ha infatti messo a segno un rialzo del 2,51% che si somma a quello del 4,63% di maggio e del 10,80 di aprile. La semplice analisi delle performance mensili evidenzia subito un fatto, che la velocita' di evoluzione del rimbalzo intrapreso dai minimi di marzo si e' andata sempre piu' riducendo nel corso dell'ultimo trimestre.

  • 29/06/2020 - 23:27
    393059

    Salita decisa della borsa negli USA grazie ai dati macro e nonostante le notizie sulla pandemia: l'indice Pending Home Sales fornito dalla National Association of Realtors (mercato immobiliare residenziale) a maggio ha fatto registrare un balzo del +44,3% mese su mese dal precedente -21,8% (rivisto) e con attese di un +18,9%. 

  • 24/06/2020 - 23:21
    392615

    Quadro a tinte fosche da parte del Fondo Monetario. Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso le stime sul Pil mondiale 2020 e 2021. Per quest'anno la previsione passa dal -3,0% indicato ad aprile (e dal +3,3% ipotizzato a gennaio) a -4,9%, mentre l'anno prossimo il Pil dovrebbe rimbalzare del 5,4% (da +5,8%). 

    La perdita complessiva dovuta al "Great Lockdown" per l'economia globale nel biennio potrebbe superare i 12mila miliardi di dollari. 

  • 23/06/2020 - 14:49
    392448

    L'Italia sta affrontando l'emergenza Covid-19 soprattutto emettendo piu' debito, almeno questo e' quanto emerge da una ricerca di Moody's, ma e' in buona compagnia. Secondo l'agenzia di rating infatti il balzo del debito pubblico sara' particolarmente elevato in Canada, Francia, Italia, Giappone, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti, ma per molti di questi paesi l'elevato livello di accessibilita' del debito potrebbe limitare le implicazioni sui rating. 

  • 17/06/2020 - 00:33
    391879

    Le borse restano impostate positivamente nonostante le notizie di una ondata di contagi di ritorno in Cina. A rendere gli operatori ottimisti sulla capacita' del mercato azionario di salire ancora c'e' un mix di dati macro incoraggianti e di azioni a sostegno della ripresa da parte di governi e banche centrali.

  • 11/06/2020 - 23:43
    391524

    In questo momento storico e' la Federal Reserve, nel bene e nel male, a fare da guida per i mercati finanziari. Il prolungato ed esteso rialzo visto dai minimi di marzo e' stato sostenuto dall'attivismo della banca centrale Usa (che, e' giusto ricordarlo, non e' stata da sola nella gigantesca operazione di aiuto all'economia, tutte le principali banche centrali si sono mosse nella stessa direzione), che e' riuscita a convincere gli operatori della possibilita' di un danno limitato, se non in termini quantitativi almeno temporali, della pandemia di Covid-19. 

  • 08/06/2020 - 00:53
    391075

    Le borse sono salite talmente tanto nelle ultime settimane (l'Msci World in dollari del 3,3% in quella terminata il 5 giugno, il 3,7% e il 3,16% nelle due precedenti) che i mercati sembrano essersi dimenticati di quello che c'e' stato prima, ovvero il crollo dai massimi di febbraio di minimi di marzo (-35% circa per l'Msci World). 

  • 03/06/2020 - 00:23
    390654

    Il Nasdaq 100, indice che piu' degli altri ha saputo distinguersi durante il rimbalzo visto dai minimi di marzo, ha quasi del tutto annullato le perdite subite dal picco di febbraio a 9756 punti, una resistenza che potrebbe venire messa sotto pressione a breve. 

  • 30/05/2020 - 23:31
    390406

    Tra i principali indici azionari le migliori performance a maggio sono state quelle del Nikkei, con un +8,34%, seguito dal Nasdaq composito, +6,75%, dal Dax, +6,68%, e dallo S&P500, con un +4,53%. Il Ftse Mib e' fermo ad un +2,87%, variazioni simili per il Cac 40, +2,70%, e per l'Ibex 35, +2,52%. 

  • 28/05/2020 - 23:05
    390283

    Nel corso degli ultimi giorni e' proseguita la roulette dei dati sul Pil. Il lockdown adottato da tutti i principali paesi come lotta alla pandemia di Covid-19 ha imposto un costo elevatissimo all'economia, anche se difficile per ora da quantificare, facendola cadere, sia per i singoli stati sia a livello globale, nella peggiore recessione dal dopoguerra.