Deciso rialzo venerdi' per Enel

Deciso rialzo venerdi' per Enel che si arresta pero' su una resistenza rilevante. Le utility si sono mosse al rialzo nell'ultima seduta della settimana grazie alle ultime notizie riferite dal Sole 24 Ore sul tema della liberalizzazione del mercato retail elettrico (abolizione della maggior tutela). Si ipotizza che la liberalizzazione sarà graduale (e non da metà 2020) per tutelare gli utenti minori. Nel gruppo in evidenza Enel: Banca Akros conferma la raccomandazione positiva "accumulate" e incrementa il target da 6,75 (prezzo di chiusura di venerdi', +1,67% il saldo di giornata) a 7,20 euro. I massimi di venerdi' a 6,782 euro sono pero' a contatto con il 61,8% di ritracciamento del ribasso dal top del 1° ottobre. Solo la rottura di questo riferimento ricavato dalla successione di Fibonacci permetterebbe una estensione del rimbalzo intrapreso da quota 6,58 con destinazione i 6,90 euro. Resistenza successiva a 7 euro. La mancata rottura di area 6,78 e la violazione di 6,70 potrebbero invece riportare le quotazioni verso i 6,58 euro. Sotto quei livelli target a 6,42/43, area di minimi a meta' settembre e 50% di ritracciamento del rialzo dai minimi di meta' agosto.