Debole FCA in avvio di ottava

Debole FCA in avvio di ottava nonostante la decisione di S&P di migliorare il rating BB+ a BBB-. Il gruppo è tra quelli che venerdì hanno annunciato un taglio della produzione per il mese di gennaio a causa della carenza di semiconduttori: si tratta di una conseguenza del rimbalzo della domanda di chip connesso all'emergenza Covid. FCA interverrà sulla produzione degli stabilimenti di Toluca in Messico e Brampton in Canada. Il titolo ha toccato un minimo intraday a 14,15 euro per poi terminare la seduta a 14,372 euro. A 14,30 euro transita la media mobile esponenziale a 20 giorni, supporto che ha quindi per il momento contenuto, in chiusura di seduta, le spinte ribassiste. Fino a che le quotazioni rimarranno al di sopra di area 14 euro le attese saranno in favore della ripresa del rialzo con target verso il picco del 4 gennaio a 15,186 e successivo a 15,75 euro, top del 10 luglio 2018. Sotto i 14 euro invece rischio di cali verso 13,94 e 13,81 euro, minimo della candela "shooting star" del 14 dicembre.