CNH Industrial sale sui massimi da inizio febbraio

CNH Industrial sale sui massimi da inizio febbraio in scia alla nomina di Scott W. Wine a CEO del gruppo con effetto dal 4 gennaio 2021. Wine è attualmente presidente e CEO di Polaris, gruppo attivo nella produzione di veicoli fuoristrada e da neve, e andrà a sostituire Suzanne Heywood, Presidente e CEO pro tempore dal marzo scorso. Gli esperti di Kepler Cheuvreux apprezzano la nomina di Stott Wine e confermano la raccomandazione "hold" sul titolo con target price a 10 euro ricordando che durante la permanenza di Wine a Polaris i ricavi e l'utile operativo si sono quasi triplicati. Il titolo ha toccato un massimo intraday a 9,038 euro per poi scicolare in area 9 euro, comunque bene al di sopra della chiusura di martedì a 8,736 euro. La prossima resistenza si colloca a 9,23 euro, minimo del 10 dicembre 2019 che era già stato testato dal basso anche il 6 febbraio. Il superamento di quei livelli dovrebbe favorire la ricopertura del gap del 27 gennaio con lato alto a 9,58. Resistenza successiva a 10,115, massimo dello "shooting star" (candela che rappresenta un ostacolo tenace) del 17 gennaio. Solo discese al di sotto di area 8,50 farebbero temere un deterioramento del sentiment positivo che il mercato sta mostrando per il titolo ormai da alcune settimane.