Borsa italiana sui minimi dal 13 marzo

Borsa italiana sui minimi dal 13 marzo. FTSE MIB -0,65%. Il FTSE MIB segna -0,65%, il FTSE Italia All-Share -0,70%, il FTSE Italia Mid Cap -1,14%, il FTSE Italia STAR -1,19%.

BTP in netta flessione, sale lo spread. Il decennale rende il 2,71% (+4 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 277 bp (+6 bp) (dati MTS).

Mercati azionari europei deboli: Euro Stoxx 50 -0,4%, FTSE 100 invariato , DAX -0,5%, CAC 40 -0,5%, IBEX 35 -0,5%.

Future sugli indici azionari americani in ribasso: S&P 500 -1,3%, NASDAQ 100 -1,5%, Dow Jones Industrial -1,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,37%, NASDAQ Composite +0,08%, Dow Jones Industrial +0,44%.

Mercato azionario giapponese negativo, il Nikkei 225 ha chiuso a -0,72%. Borse cinesi in rosso: l'indice CSI 300 di Shanghai ha terminato -1,65%. Hong Kong chiusa per festività.

STMicroelectronics -2,2% debole con il settore. In netto calo AMS -5,6%, Infineon -2,1%, Dialog Semiconductor -2,4%, ASML -0,9%. Il comparto semiconduttori è probabilmente penalizzato dalla situazione di stallo delle trattative commerciali USA-Cina.

Indicazioni simili per gli industriali Prysmian -2,6%, Leoanrdo -2,1%, FCA -1,3%, Pirelli&C -1,2%.

Vendite anche sui bancari: l'indice FTSE Italia Banche segna -0,9%, l'EURO STOXX Banks -1,0%. In flessione Banco BPM -2,1%, UBI Banca -1,9%, UniCredit -1,4%.

Interpump, -3,8% a 29,38 euro, molto debole in avvio dopo il report di Kepler Cheuvreux. La raccomandazione è stata peggiorata da buy a hold e il target ridotto da 34 a 33 euro. Venerdì Interpump ha comunicato di aver chiuso il primo trimestre 2019 con ricavi a 343,6 milioni di euro (+10,0% a/a) e un utile netto a 45,3 milioni(+16,5% a/a). Per gli analisti il titolo ha raggiunto una valutazione in linea con fondamentali e prospettive.

Netto calo per IGD -6,7%, GIMA TT -4,0% e Zignago Vetro -4,5%: tutte e tre staccano oggi il dividendo a valere sull'esercizio 2018 e sono quindi penalizzate dalla separazione dalla cedola.

Tiscali (asta di volatilità, teorico +10,64%) balza in avanti: Amsicora ha acquisito il 22,059% del capitale (l'intera partecipazione del 20,79% di ICT Holding e l’1,269% da Renato Soru). Amsicora (società di investimento italiana fondata e gestita da Claudio Costamagna, Alberto Trondoli, Manilo Marocco) si propone "l’obiettivo di supportare l’attuazione del piano di rilancio predisposto dalla società. I nuovi soci e il fondatore Renato Soru, ora titolare di una partecipazione pari al 7,94% del capitale sociale di Tiscali, porteranno la loro esperienza nel settore finanziario e delle telecomunicazioni a servizio dell’interesse della società e dei suoi azionisti".

TITOLO DEL GIORNO: MONCLER
 Seduta positiva venerdi' per Moncler. Banca Akros ha confermato la raccomandazione "buy" e incrementato il target da 39 a 41 euro dopo la pubblicazione dei dati sui ricavi nel primo trimestre 2019. Il dato si attesta a 378,5 milioni di euro (+14% a/a) ed è migliore del consensus Reuters fissato a 374 milioni. Remo Ruffini, presidente e a.d. di Moncler (nonche' principale azionista con il 26,75%), ha dichiarato che "Questi numeri, unitamente all'andamento delle ultime settimane e agli importanti progetti che ci aspettano, mi rendono molto fiducioso per il futuro, anche se sappiamo benissimo che la base di confronto rimane importante". Il titolo si e' spinto fino a 36,93 euro per poi stabilizzarsi in area 36,65 (close giovedi' a 35,53 euro). Le quotazioni sono rimbalzate con forza dopo aver testato il 9 maggio in area 33,80 euro i minimi del 25 marzo. La reazione ha superato in area 36 la mediana della fase laterale disegnata nelle ultime settimane e potrebbe quindi ora arrivare sul lato alto del trading range, in area 37,50. Oltre quei livelli il target si sposterebbe a 40 euro circa. Solo sotto area 33,80 emergerebbe invece il rischio di cali diretti verso 31,68, top del 9 gennaio.
DATI ATTESI:
Gli appuntamenti macroeconomici in agenda oggi: 04:00 CINA Investimenti diretti dall'estero apr; 07:00 GIA Indice anticipatore marzo.