Borsa italiana migliore in Europa, spread in calo

Borsa italiana migliore in Europa, spread in calo. FTSE MIB +0,48%.

Il FTSE MIB segna +0,48%, il FTSE Italia All-Share +0,46%, il FTSE Italia Mid Cap +0,33%, il FTSE Italia STAR -0,04%.

BTP in netto recupero nonostante le turbolenze nel governo. Il decennale rende il 2,53% contro il 2,59% della chiusura precedente, lo spread sul Bund segna 274 bp (da 279) (dati MTS).

Mercati azionari europei deboli: Euro Stoxx 50 -0,3%, FTSE 100 -0,3%, DAX -0,1%, CAC 40 -0,5%, IBEX 35 invariato.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,3%, Dow Jones Industrial +0,3%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,28%, NASDAQ Composite -1,61%, Dow Jones Industrial +0,02%.

Mercato azionario giapponese stabile, il Nikkei 225 ha chiuso a -0,01%. Borse cinesi in ribasso: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen termina a -0,92%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,5% circa.

Bene FCA +1,7% e la controllante Exor +2,6% nel giorno del cda di Renault chiamato a valutare la proposta di fusione avanzata dal Lingotto. Secondo indiscrezioni il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire in un incontro con il presidente di FCA John Elkann avrebbe avanzato una sfilza di richieste per dare l'ok alla fusione: garanzie sull'occupazione, quartier generale operativo del nuovo gruppo a Parigi, dividendo straordinario per gli azionisti del produttore transalpino e un posto nel cda per il governo francese (che ha il 15% del capitale). Intanto il CEO di Nissan Hiroto Saikawa ha comunicato che l'eventuale fusione FCA-Renault richiederebbe una revisione dei rapporti Nissan-Renault.

Avvio in deciso progresso per i bancari: l'indice FTSE Italia Banche segna +1,5%. In evidenza UniCredit +2,0%, UBI Banca +1,9%, Intesa Sanpaolo +1,6%.

Anima Holding +4,6% accelera al rialzo: Goldman Sachs ha avviato la copertura sul titolo con raccomandazione buy.

Avvio di seduta debole per Autogrill (-0,4%) che oggi, giorno del Capital Markets Day 2019 a Milano, potrebbe muoversi in modo deciso in borsa. Il gruppo leader a livello globale nel settore dei servizi di food & beverage per i viaggiatori, presenta infatti gli obiettivi strategici e finanziari per il periodo 2019-2021. Autogrill punterà a crescere (sia per linee interne che attraverso operazioni straordinarie) soprattutto sul segmento aeroportuale e delle stazioni ferroviarie, dato che "secondo le stime il traffico aereo e i servizi di ristorazione a livello globale cresceranno di oltre il 25% nei prossimi 5 anni", mentre nel settore delle concessioni del canale autostradale verranno valutate nuove opportunità per valorizzare le concessioni stesse "come già fatto con la cessione delle attività autostradali canadesi annunciata di recente".

Fisiologica correzione per Diasorin -1,6% dopo il +4,10% messo a segno ieri grazie al report di BofA-Merrill Lynch (avviata la copertura sul titolo con raccomandazione buy). Deboli anche Amplifon -2,1% e Recordati -1,0%.

TITOLO DEL GIORNO: STM
 STMicroelectronics, avvio di ottava incerto con il settore. Particolarmente debole la tedesca Infineon, che lascia sul terreno il 10% circa dopo avere lanciato un'OPA da circa 9 miliardi di dollari, debito compreso, sull'americana Cypress Semiconductor (che invece sale di circa 1/4 del suo valore al NASDAQ). In calo anche gli altri big del comparto come AMS e Dialog Semiconductor. STM ha toccato un minimo intraday 13,38 euro rimbalzando poi in area 13,65 euro, valore che si confronta con la chiusura di venerdi' a 13,695 euro. Le quotazioni di Stm hanno toccato con i minimi del 29 maggio a 13 euro il 61,8% di ritracciamento (Fibonacci) del rialzo dai minimi di gennaio. Solo la violazione di questo riferimento confermerebbe i recenti segnali di debolezza, come la discesa il 23 maggio al di sotto della base del canale crescente disegnato da gennaio, prospettando in quel caso cali verso i 12 euro e poi fino a 11 circa. Sopra 13,90 invece il titolo troverebbe la forza per estendere il rimbalzo visto dai minimi del 29 maggio, target inizialmente a 14,42, gap del 23 maggio, poi in area 15,38/40 euro.
DATI ATTESI:
I dati macroeconomici in programma oggi: alle 10:00 tasso di disoccupazione Italia, alle 10:30 indice Markit PMI costruzioni Regno Unito, alle 11:00 tasso di disoccupazione e inflazione preliminare eurozona.
Negli USA alle 15:55 intervento Powell (presidente Fed), alle 16:00 ordini industriali e ordini beni durevoli finali, alle 22:30 scorte petrolio settimanali (API).