Piazza Affari sopra la parità, bene industriali e petroliferi, vendite su bancari e Telecom. FTSE MIB +0,11%

10/07/2018 17:45:22

Piazza Affari sopra la parità, bene industriali e petroliferi, vendite su bancari e Telecom. FTSE MIB +0,11%.


Mercati azionari europei positivi. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, Nasdaq Composite +0,1%, Dow Jones Industrial +0,5%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,11%, il FTSE Italia All-Share a +0,08%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,08%, il FTSE Italia STAR a +0,07%.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA l'indagine JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) segnala che le posizioni lavorative ricercate dai datori di lavoro a maggio si sono attestate a 6,638 milioni, inferiori ai 6,840 milioni di aprile (dato rivisto da 6,698 mln) ma superiori ai 6,583 milioni attesi dagli economisti. In Germania e' stato reso noto che l'indice Zew, che misura la fiducia degli investitori istituzionali in merito alle aspettative sull'economia del paese tedesco, è in calo anche nel mese di luglio. Il dato si è attestato a -24,7 punti dai -16,1 punti di giugno a fronte di attese degli analisti pari a -18 punti. Nel Regno Unito il PIL a maggio ha fatto segnare un +0,3% m/m da +0,2% in aprile, mentre la produzione manifatturiera è cresciuta dello 0,4% rispetto al mese precedente, risultando inferiore alle attese fissate su un incremento dello 0,9%. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno la crescita è pari all' 1,1% inferiore alle attese pari al +1,9% ma superiore alla rilevazione precedente pari al +0,9%. Sempre nel Regno Unito a maggio la bilancia commerciale ha registrato un deficit pari a 12,36 miliardi di sterline da 12,40 mld (rivisto da 14,04 mld), con consensus a 12 mld. In Italia a maggio la produzione industriale ha fatto segnare 0,7% m/m (consensus +0,9%) e +2,1% a/a (+2,7%). Il dato mensile di aprile è stato rivisto da -1,2% m/m a -1,3%.

Bene Salvatore Ferragamo (+3,02%) dopo la flessione di ieri: Jefferies ha migliorato la raccomandazione sul titolo a hold. Nella seduta precedente le azioni della casa fiorentina erano state penalizzate dalle dichiarazioni del vicepresidente James Ferragamo, secondo cui serve ancora tempo per la scelta dell'a.d.: tutti i poteri di gestione e amministrazione del gruppo sono affidati al presidente esecutivo Ferruccio Ferragamo dall'8 marzo scorso, ovvero dall'interruzione del rapporto di lavoro con l'ex a.d. Eraldo Poletto.

Acquisti sugli industriali con CNH Industrial (+2,33%), Prysmian (+2,21%), Buzzi Unicem (+1,58%). Brilla Fincantieri (+7,34%) grazie alle indiscrezioni del Sole 24 Ore: il gruppo cantieristico è al lavoro sulla gara da 20 miliardi di dollari della Marina militare USA per venti fregate multiruolo di futura generazione del programma Ffg(X). Inoltre, sempre secondo il quotidiano, è stato approntato il progetto di accordo con la francese Naval Group nel settore navale militare, progetto che doveva essere presentato entro il 30 giugno e che sembrava in bilico dopo le ultime tensioni tra Italia e Francia.

Seduta difficile per Telecom Italia (-2,48% a 0,6366 euro) a causa del report di UBS. Gli analisti della banca elvetica hanno peggiorato la raccomandazione sul titolo da neutral a sell e ridotto il target da 0,83 a 0,59 euro.

I bancari accelerano al ribasso nel finale di seduta: l'indice FTSE Italia Banche chiude a -1,47%, l'EURO STOXX Banks a -1,0%. Negative a Milano BPER Banca (-1,94%), UniCredit (-1,61%), Intesa Sanpaolo (-1,60%), UBI Banca (-1,47%).

Sale STMicroelectronics (+2,09%) che ha annunciato l'acquisizione di Draupner Graphics, società di software specializzata nello sviluppo di interfacce utente grafiche (GUI). Daniel Colonna, Microcontroller Marketing Director di STMicroelectronics ha dichiarato che "L'acquisizione di Draupner Graphics accelererà sia la roadmap di TouchGFX sia quella di STM32 per offrire agli sviluppatori di applicazioni embedded e ai loro clienti funzionalità più avanzate, in grado di migliorare la qualità delle interfacce uomo-macchina in tutti i dispositivi con cui le persone interagiscono ogni giorno."

Bene gli automobilistici con Brembo (+2,66%), Ferrari (+1,82%) e FCA (+0,63% a 17,1860 euro) favorita dai report di UBS e HSBC: quest'ultima ha confermato la raccomandazione buy sul titolo del Lingotto e ridotto il target da 24 a 21 euro, ancora ben al di sopra delle quotazioni attuali. Il 25 luglio verranno pubblicati i dati relativi al secondo trimestre: HSBC guarda più avanti e prevede un ottimo terzo trimestre. Inoltre fa notare che l'attuale consenso sull'EBIT adjusted 2018 sia inferiore del 7% rispetto alla guidance minima indicata da FCA (8,7 miliardi di euro).

Tonici i petroliferi che approfittano della forza del greggio (tornato a ridosso dei record pluriennali di fine giugno e inizio luglio). Bene Tenaris (+0,46%), Saipem (+1,37%) e soprattutto Eni (+1,31%), sui massimi da metà maggio in scia alle ultime notizie relative a nuove scoperte di idrocarburi e avvio di produzione di alcuni giacimenti.

Juventus FC (+5,77%) torna a guadagnare terreno dopo il -3,36% di ieri. Secondo indiscrezioni di stampa il presidente Andrea Agnelli questa mattina ha preso un volo da Pisa per Kalamata in Grecia, vicino al luogo dove Cristiano Ronaldo sta trascorrendo le vacanze: si ipotizza un incontro nel pomeriggio e addirittura un annuncio in giornata. La scorsa settimana il titolo del club bianconero ha guadagnato circa il 40% su rumors relativi al possibile ingaggio del campione portoghese. Poco dopo la chiusura del mercato Gazzetta.it ha dato per ufficiale il trasferimento di CR7 dal Real Madrid alla Juventus per 105 milioni di euro.

FNM (+11,48%) in forte rialzo dopo l'incontro tra il presidente della Regione Lombardia (che controlla FNM con oltre il 57% del capitale), Attilio Fontana, e l'amministratore delegato di FS, Renato Mazzoncini. E' stato raggiunto un accordo per superare l'attuale gestione del servizio ferroviario in Lombardia, dal 2011 in carico a Trenord, joint venture paritetica tra Trenitalia e FNM. In futuro il servizio ferroviario in Lombardia tornerà a essere gestito separatamente da FNM e Trenitalia. La scissione potrebbe essere perfezionata entro fine settembre, ma intanto il mercato dimostra chiaramente di ritenere l'operazione favorevole per FNM.

Molto positiva Mondo TV (+7,77%) dopo che la società ha annunciato che rinuncerà alla realizzazione di un parco divertimenti a tema in Cina, progetto per il quale era stato siglato un accordo non vincolante con Henan York per l'avvio della fase di studio. L'operazione è stata "giudicata troppo rischiosa e incerta". Mondo TV si focalizza quindi sullo "sviluppo del core business della società, anche per linee esterne", "in un anno come il 2018 che promette di essere il migliore in termini di redditività per il Gruppo". Il mercato accoglie favorevolmente la decisione del management di Mondo TV: facciamo notare che dal 20 marzo scorso, giorno dell'annuncio dell'accordo con Henan York, il titolo aveva lasciato sul terreno circa il 33% (prima del rimbalzo odierno).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com