Bene Banca MPS in avvio di ottava

Bene Banca MPS in avvio di ottava. Il titolo accelera e tocca i massimi da metà ottobre approfittando probabilmente del rally dei BTP, dato che l'istituto senese è tra i più esposti sui titoli di debito italiani. Lo spread con il Bund potrebbe scendere ancora dopo essersi avvicinato lunedì ai 280 punti base: secondo fonti di stampa che citano dichiarazioni del ministro dell'Economia Giovanni Tria (che partecipa lunedì all'Eurogruppo a Bruxelles), l'Italia sta negoziando con la Commissione Europea una riduzione del rapporto deficit/PIL 2019 dall'attuale (famigerato) 2,4% al 2% circa o magari anche leggermente al di sotto di questa soglia simbolica. Le quotazioni di Mps si sono spinte a toccare un massimo a 1,764 euro (scendendo poi in area 1,74), bene al di sopra della chiusura di venerdì a 1,6045 euro. I prezzi già settimana scorsa, superando il picco del 30 ottobre a 1,568 euro, avevano completato il "doppio minimo" disegnato in area 1,30/32 dal 25 ottobre. Target della figura, calcolato in base alla proiezione della sua ampiezza dal punto di rottura, a 1,83 circa, allineato con il gap ribassista dell'11 ottobre. In caso di superamento di quei livelli il titolo troverebbe nuovo spazio di crescita fino a i 2 euro almeno. Solo sotto la media mobile esponenziale a 5 giorni, toccata dai minimi di venerdì a 1,5775 euro, rischio di cali verso la base del gap del 26 novembre posta a 1,441 euro.