Bene in avvio di ottava Italgas

In bella evidenza in avvio di ottava Italgas che già la scorsa settimana si era messa in mostra nel comparto. Emma Marcegaglia (presidente di Eni), ha definito "molto negativo" l'eventuale stop del gasdotto Tap (gas dall'Azerbaigian in Puglia a partire dal 2020). Barbara Lezzi, neo ministro grillino del Sud, ha affermato che l'M5S punta a bloccare il progetto Tap. Ricordiamo infine che il prossimo 12 giugno il cda di Italgas approverà il piano strategico 2018-2024. Le quotazioni hanno toccato un massimo a 4,695 euro dopo aver terminato la seduta di venerdì a 4,512 euro. La reazione ha permesso di avvicinare una importante resistenza, il 38,2% di ritracciamento del ribasso dal top di inizio maggio (percentuale di Fibonacci): la rottura di questa soglia sarebbe un forte indizio in favore del proseguimento del rialzo verso area 5 euro, dove i prezzi hanno lasciato aperto un gap ribassista il 21 maggio in occasione dello stacco del dividendo (0,2 euro). Al di sopra dei 5 euro possibile il ritorno sui massimi di maggio a 5,38. Discese fino a 4,40 potrebbero essere compatibili con lo scenario rialzista ipotizzato, sotto quei livelli invece rischio di cali verso 4,26, minimo di marzo, e area 4 euro.