Analisi Varie Italia (AVI)

Ftse Mib, il rialzo si arena prima di superare resistenze rilevanti

Ftse Mib, il rialzo si arena prima di superare resistenze rilevanti. Il rialzo del Ftse Mib partito dai minimi del 14 agosto a 19936 punti si e' spinto il 22 agosto fino a toccare in area 21045 la media mobile esponenziale a 50 giorni e il lato alto del gap ribassista del 5 agosto, una coppia di resistenze che ha respinto in modo deciso le forze dei rialzisti. La candela giornaliera del 22 agosto e' uno "shooting star", elemento che conferma con la sua presenza la validita' delle resistenze incontrate e che rischia di trasformarsi in un massimo di periodo.

Stm respinta da una forte resistenza

Stm respinta da una forte resistenza. Si riaccende la guerra commerciale USA-Cina e come di consueto i titoli del settore industriale (i più internazionalizzati) vengono presi di mira dai venditori. A Milano STM arriva a perdere piu' del 3% scendendo a 15,68 euro per poi rimbalzare in area 16 euro (close giovedi' a 16,34 euro).

Borsa Italiana riduce le perdite: FTSE MIB -0,21%

Nel pomeriggio i maggiori indici azionari italiani riducono le perdite: FTSE MIB -0,21%, FTSE Italia All share -0,24%, FTSE Italia Mid Cap -0,37% e FTSE Italia Star -0,73 per cento.
Da notare che i maggiori indici europei sono ritornati in queste ore in territorio positivo con il Dax che guadagna lo 0,09% e il Cac che recupera lo 0,15 per cento.

GD - www.ftaonline.com

Rendimento del BTP italiano all'1,32%

I titoli del debito pubblico europeo sembrano assorbire nel pomeriggio una parte delle tensioni che spingono gli operatori a forti vendite nei mercati azionari. Gli acquisti premiano ancora il BTP decennale italiano con il rendimento che cede 3 punti base e torna all'1,32% mentre lo yield del Bund tedesco cede un punto base e si riassesta a quota -0,66 per cento. Lo spread BTP/Bund si pone di conseguenza 197 punti base. Invariato a quota -0,35% lo yied dell'Oat francese mentre quello del Bono spagnolo cresce di 3 punti base (0,15%).

Le utility tentano una reazione

L'accelerazione al ribasso dei mercati con il ritorno delle tensioni commerciali globali incoraggia le società dei servizi al cittadino a una reazione anticiclica. L'indice Stoxx Europe 600 Utilities segna infatti in queste ore un rialzo dello 0,49% in controtendenza e il Ftse Italia All Share Utilities recupera lo 0,15 per cento.
A Milano Hera recupera lo 0,8%, Terna lo 0,3%, Italgas lo 0,2% ed Enel lo 0,1 per cento. Sotto la parità invece A2A (-0,35%).

Piazza Affari accelera al ribasso dopo notizia dazi Cina. FTSE MIB -0,78%

Piazza Affari accelera al ribasso dopo notizia dazi Cina. FTSE MIB -0,78%.


Il FTSE MIB segna -0,78%, il FTSE Italia All-Share -0,77%, il FTSE Italia Mid Cap -0,72%, il FTSE Italia STAR -0,91%.

BTP in lieve progresso, spread poco mosso.
Il rendimento del decennale segna 1,33% (chiusura precedente a 1,35%), lo spread sul Bund 198 bp (da 198) (dati MTS).

Mercati azionari europei in ordine sparso: Euro Stoxx 50 -0,3%, FTSE 100 +0,1%, DAX -0,4%, CAC 40 -0,3%, IBEX 35 +0,0%.

Vendite sulle banche a Piazza Affari e in Europa

Il montare delle tensioni nei mercati finanziari, con l'annuncio dei nuovi dazi da parte della Cina su merci statunitensi, si riflette nel settore ciclico dei titoli bancari.
L'Euro Stoxx Banks accumula rapidamente uno svantaggio di 0,91 punti percentuali sul riferimento e il Ftse Italia Banche perde adesso lo 0,88% appesantito da Fineco (-2,18%), Intesa (-0,90%) e Unicredit (-0,9%).

GD - www.ftaonline.com

La guerra dei dazi USA-Cina penalizza greggio e petroliferi

La guerra dei dazi USA-Cina ha come conseguenza un peggioramento delle prospettive dell'economia mondiale, circostanza che penalizza le quotazioni del petrolio: i future ottobre segnano per il Brent 58,80 $/barile (da 60,30 circa a inizio mattinata), per il WTI 53,80 $/barile (da 55,60 circa). A Milano Saipem -2,4%, Tenaris -2,0%, Eni -1,0%.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

Industriali in netto ribasso, riparte la guerra commerciale USA-Cina

Industriali in netto ribasso dopo l'annuncio della Cina: nuovi dazi su merci statunitensi per 75 miliardi di dollari. Si riaccende quindi la guerra commerciale USA-Cina e come di consueto i titoli del settore industriale (i più internazionalizzati) vengono presi di mira dai venditori. A Milano STM -3,2%, Pirelli -2,6%, CNH -1,9%, FCA -1,5%.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Varie Italia (AVI)