Commenti Borse Internazionali

Borsa Usa: avvio di settimana positivo

La Borsa di New York ha aperto la prima seduta della settimana in deciso rialzo sostenuta dalle speranze di un possibile rallentamento dei contagi del coronavirus. Il Dow Jones guadagna il 3,8%, l'S&P 500 il 3,7% e il Nasdaq Composite il 3,7%. In Italia, Spagna e Francia il numero delle vittime ha registrato dei cali così come nello Stato di New York.
In calo il Vix, l'indice della volatilità, a 43,98 punti (-6,03%).
Sugli scudi il comparto energetico e quello finanziario.

Borse europee: avvio di settimana positivo

Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana in rialzo su segnali di un rallentamento del diffondersi dell'epidemia di coronavirus in Italia, in Francia e in Spagna. L'indice Stoxx 600 guadagna il 3%, il Dax30 di Francoforte il 4%, il Cac40 di Parigi il 3,5%, il Ftse100 di Londra il 3% e l'Ibex35 di Madrid il 3,3%.
Acquisti diffusi su tutti i settori. Bene in particolare il comparto auto.

Asia-Pacific in netto recupero. Nikkei 225 in rally del 4,24%

Dopo una chiusura d'ottava in netto ribasso per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Dow Jones Industrial Average, deprezzatosi dell'1,69% venerdì), la nuova settimana inizia invece in Asia con un deciso recupero su segnali di un rallentamento del diffondersi dell'epidemia di coronavirus in Italia, come pure in Francia. E Donald Trump ha espresso la speranza che anche in Usa si stia assistendo a un "livellamento" della crisi del Covid-19. Shanghai e Shenzhen sono restate chiuse per la celebrazione della festività di Qingming (il Giorno degli antenati).

Borsa Usa: negativa l'ultima seduta della settimana

La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta della settimana in ribasso penalizzata dall'aumento superiore alle attese della disoccupazione a marzo. Il Dow Jones ha perso l'1,69%, l'S&P 500 l'1,51% e il Nasdaq Composite l'1,53%.
Ancora in rally il petrolio; il Wti sul mercato Nymex guadagna il 13,7% a 28,79 dollari al barile.

Borsa Usa: Dow Jones negativo in avvio, petrolio ancora in rally

La Borsa di New York ha aperto l'ultima seduta della settimana in ribasso penalizzata dall'aumento superiore alle attese della disoccupazione a marzo. Il Dow Jones perde lo 0,3%, l'S&P 500 lo 0,1%. Piatto il Nasdaq Composite.
Ancora in rally il petrolio; il Wti sul mercato Nymex guadagna il 7,15% a 27,13 dollari al barile.

Piazze cinesi in negativo. Calo dello 0,19% per l'Hang Seng

In una seduta contrastata ma complessivamente in negativo per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha guadagnato appena lo 0,01%), le piazze cinesi si allineano al clima ribassista. Alla fine Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 segnano infatti cali dello 0,60% e dello 0,57% rispettivamente, contro la flessione dello 0,47% dello Shenzhen Composite. In arretramento anche Hong Kong: l'Hang Seng perde infatti lo 0,10% (fa peggio l'Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento nell'ex colonia britannica per la Corporate China, deprezzatosi dello 0,37%).

Borse europee negative

Le principali Borse europee hanno aperto l'ultima seduta della settimana in ribasso in attesa dei dati sul mercato del lavoro Usa del primo pomeriggio. L'indice Stoxx 600 cede lo 0,2%, il Dax30 di Francoforte lo 0,4%, il Cac40 di Parigi lo 0,4%, il Ftse100 di Londra lo 0,4% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,2%.
Prosegue il recupero del petrolio; il Brent sull'Ice di Londra è tornato sopra quota 30 dollari al barile (+2,87% a 30,80 dollari al barile).

Asia-Pacific in calo. Il Nikkei 225 guadagna appena lo 0,01%

Dopo una seduta di recupero per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi l'S&P 500, apprezzatosi del 2,28% giovedì), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza è stata invece contrastata e complessivamente in negativo. Il principale fattore rialzista a New York era stato il rimbalzo del petrolio (i future sul Wti in consegna a maggio avevano chiuso con un rally del 24,7% giovedì al New York Mercantile Exchange a 25,32 dollari il barile) ma la nuova giornata ha visto il greggio tornare a perdere significativamente terreno.

Wall Street chiude in rialzo grazie al rally del petrolio

La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo nonostante la crescita record delle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione. Il Dow Jones ha guadagnato il 2,24%, l'S&P 500 il 2,28% e il Nasdaq Composite l'1,72%.Wall Street ha beneficiato del forte rimbalzo del petrolio; il Wti sul mercato Nymex ha registrato un balzo del 24,7% a 25,32 dollari al barile.
Dal rally del greggio si è avvantaggiato il comparto energetico (l'indice settoriale ha chiuso il rialzo di oltre nove punti percentuali).

Pages

Subscribe to RSS - Commenti Borse Internazionali