Commenti Borse Internazionali

Shanghai sotto la parità. Hang Seng in progresso dello 0,69%

In una seduta contrastata per per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha limitato la sua perdita allo 0,09%), Shanghai e Shenzhen scambiano per tutta la giornata tra alti e bassi intorno alla parità. Al termine delle contrattazioni Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 perdono lo 0,05% e lo 0,06% rispettivamente, contro il guadagno limitato allo 0,03% dello Shenzhen Composite. Bene invece Hong Kong: l'Hang Seng segna infatti un progresso dello 0,69% (fa peggio l'Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento per la Corporate China, apprezzatosi comunque dello 0,53%).

Borse europee deboli

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta deboli. L'indice Stoxx 600 cede lo 0,2%, il Dax30 di Francoforte lo 0,15%, il Cac40 di Parigi lo 0,3%, il Ftse100 di Londra lo 0,15% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,2%. Il deludente dato sulle vendite retail in Usa pubblicato ieri conferma un rallentamento anche per l'economia a stelle e strisce. Sul fronte dei negoziati commerciali, restano da limare dettagli per la conferma dell'intesa parziale, definita di Fase 1, annunciata venerdì. Secondo quanto riportato dal South China Morning Post, Steven Mnuchin, U.S.

Asia contrastata. A Tokyo Nikkei 225 in declino dello 0,09%

Dopo una seduta in rallentamento per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq, deprezzatosi mercoledì dello 0,30%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza si è fatta maggiormente contrastata anche se complessivamente le oscillazioni sono state moderate. Si ferma in ogni caso il recupero durato cinque sessioni, anche a causa del debole dato sulle vendite retail in Usa, che confermano un rallentamento anche per l'economia a stelle e strisce.

Wall Street chiude in leggero calo

La Borsa di New York ha chiuso la seduta in leggero ribasso. Il Dow Jones ha perso lo 0,08%, l'S&P 500 lo 0,20% e il Nasdaq Composite lo 0,30%. Wall Street penalizzata dalle tensioni tra Usa-Cina dopo l'approvazione delle norme a sostegno delle manifestazioni pro democrazia a Hong Kong da parte della Camera americana. Il provvedimento ha scatenato la forte indignazione di Pechino con il rischio che possano essere compromessi i negoziati sul commercio.

Borsa Usa: indici sotto la parità

La Borsa di New York ha aperto la seduta in ribasso in attesa della pubblicazione del Beige Book della Fed. Il Dow Jones cede lo 0,1%, l'S&P 500 lo 0,2% e il Nasdaq Composite lo 0,3%. Wall Street penalizzata dalle tensioni Usa-Cina dopo l'approvazione delle norme a sostegno delle manifestazioni pro democrazia a Hong Kong da parte della Camera americana. Il provvedimento ha scatenato la forte indignazione della Cina con il rischio che possano essere compromessi i negoziati sul commercio.

Shanghai e Shenzhen in calo. L'Hang Seng guadagna lo 0,61%

In una seduta complessivamente positiva per per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha guadagnato un netto 1,20%), le piazze cinesi vivono una giornata a due velocità, dopo che l'House of Representatives (la Camera Usa) ha approvato una norma che richiederebbe una valutazione annuale sul fatto che Hong Kong sia sufficientemente autonoma da Pechino per giustificare il suo status commerciale speciale ai sensi delle leggi americane. Una simile proposta normativa verrà discussa a Washington anche dal Senato.

Borse europee poco mosse

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta senza grandi variazioni. L'indice Stoxx 600 cede lo 0,1%, il Ftse100 di Londra lo 0,1% e l'Ibex35 di Madrid lo 0,1%. Sopra la parità il Dax30 di Francoforte (+0,1%) e il Cac40 di Parigi (+0,05%).
Positivo il comparto auto. Le immatricolazioni nell'Unione Europa più i paesi EFTA sono cresciute del 14,4% a 1.285.494 veicoli nel mese di settembre. Lo ha annunciato l'Acea.

Shanghai in declino. A Tokyo Nikkei 225 in rialzo dell'1,20%

Dopo una seduta in netto rialzo per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq, apprezzatosi martedì dell'1,24%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza in positivo è proseguita. La spinta ai mercati è arrivata dall'avvio della tornata di trimestrali della Corporate America, che ha complessivamente mostrato un'economia Usa in salute. Mentre gli investitori scommettono su un'intesa commerciale più ampia tra Washington e Pechino, segnali distensivi arrivano anche dall'Europa, con minori possibilità che la Brexit si concretizzi senza un accordo con la Ue.

Borsa Usa: parte bene la stagione delle trimestrali, S&P 500 +1%

La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo sostenuta da alcune brillanti trimestrali societarie. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,89%, l'S&P 500 l'1% e il Nasdaq Composite l'1,24%.
Tra i titoli in evidenza JPMorgan Chase & Co +3%. La banca d'affari ha chiuso il terzo trimestre con profitti netti in crescita dell'8,4% a 9,08 miliardi di dollari (2,68 dollari per azione). Il dato è superiore alle attese degli analisti (consensus 2,45 dollari per azione).

Borsa Usa: parte bene la stagione delle trimestrali, Dow Jones +0,45%

La Borsa di New York ha aperto la seduta in rialzo grazie ad alcune positive trimestrali societarie. Il Dow Jones guadagna lo 0,45%, l'S&P 500 lo 0,4% e il Nasdaq Composite lo 0,3%.
Tra i titoli in evidenza JPMorgan Chase & Co +1,8%. La banca d'affari ha chiuso il terzo trimestre con profitti netti in crescita dell'8,4% a 9,08 miliardi di dollari (2,68 dollari per azione). Il dato è superiore alle attese degli analisti (consensus 2,45 dollari per azione).

Pages

Subscribe to RSS - Commenti Borse Internazionali