Analisi Indici Esteri (AIE)

Il Nikkei 225 guadagna ulteriore terreno

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 ha terminato a 22277,97 punti, +0,25% rispetto alla chiusura precedente (22221,66). L'indice nipponico guadagna ulteriore terreno e fortifica le prospettive rialziste scaturite dalla riattivazione della tendenza ascendente in essere da dicembre avvenuta due giorni fa grazie alla rottura delle resistenze a 21860/21900 (massimo di inizio marzo e top intraday di inizio settimana scorsa).

Il Nikkei 225 consolida il segnale rialzista

Mercato azionario giapponese in verde, il Nikkei 225 ha terminato a 22221,66 punti, +0,24% rispetto alla chiusura precedente (22169,11). L'indice nipponico consolida il segnale grafico rialzista inviato ieri con la rottura delle resistenze a 21860/21900 rappresentate dal massimo di inizio marzo e dal top intraday di inizio settimana scorsa, operazione che ha decretato la ripresa della tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre).

Il Nikkei 225 supera le resistenze e riattiva il rally

Mercato azionario giapponese in ascesa, il Nikkei 225 ha terminato a 22169,11 punti, +1,37% rispetto alla chiusura precedente (21870,56). L'indice nipponico rompe gli indugi e supera le resistenze a 21860/21900 rappresentate dal massimo di inizio marzo e dal top intraday di inizio settimana scorsa: riattivata quindi la tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre). In ottica temporale più estesa l'indice avrebbe poi la possibilità di tornare sul top pluriennale a 24450 circa toccato a inizio ottobre.

Nikkei 225 in pressione sulle resistenze

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 ha terminato a 21870,56 punti, +0,73% rispetto alla chiusura precedente (21711,38). La settimana va in archivio con una performance pari a +0,29%. L'indice nipponico sale a mettere pressione sulle resistenze a 21860/21900 rappresentate dal massimo di inizio marzo e dal top intraday di inizio settimana: una vittoria confermata in chiusura di seduta su questi ostacoli decreterebbe la ripresa della tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre).

Nikkei 225 stabile a ridosso di importanti resistenze

Mercato azionario giapponese poco mosso, il Nikkei 225 ha terminato a 21711,38 punti, +0,11% rispetto alla chiusura precedente (21687,57). L'indice nipponico staziona poco al di sotto delle resistenze a 21860/21900 rappresentate dal massimo di inizio marzo e dal top intraday di inizio settimana, in attesa dello spunto utile per lanciare un attacco risolutivo agli ostacoli citati e quindi riattivare la tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre).

Nikkei 225 ancora sotto le resistenze, attende segnali

Mercato azionario giapponese in ribasso, il Nikkei 225 ha terminato a 21687,57 punti, -0,53% rispetto alla chiusura precedente (21802,59). L'indice nipponico si allontana marginalmente dagli ostacoli a 21860/21900 rappresentati dal massimo di inizio marzo e dal top intraday di due giorni fa, ma resta ben posizionato per lanciare un attacco alle resistenze citate ed eventualmente riattivare la tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre).

Nikkei 225 a ridosso di importanti ostacoli

Mercato azionario giapponese in verde, il Nikkei 225 ha terminato a 21802,59 punti, +0,19% rispetto alla chiusura precedente (21761,65). L'indice nipponico staziona poco al di sotto degli ostacoli a 21860/21900 rappresentati dal massimo di inizio marzo e dal top intraday di ieri. In caso di deciso superamento di questi riferimenti assisteremmo alla riattivazione della tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre) e, in ottica temporale più estesa, sul top pluriennale a 24450 circa toccato a inizio ottobre.

Nasdaq in gran forma

Nasdaq in ottima forma nel corso dell'ultima settimana, archiviata al di sopra dei 7900 punti. Il grafico settimanale mette ben in evidenza il recente progresso dei prezzi, ormai proiettati verso i record assoluti della scorsa estate in area 8130. A partire dalla fine di dicembre, ovvero nelle ultime 15 settimane, sono state ben 13 le volte in cui l'indice tecnologico è stato capace di archiviare l'ottava con un risultato positivo.

Nikkei 225 all'attacco della resistenza

Mercato azionario giapponese in calo, il Nikkei 225 ha terminato a 21761,65 punti, -0,21% rispetto alla chiusura precedente (21807,50). L'indice nipponico supera in avvio di seduta il massimo di inizio marzo a 21860 circa ma perde progressivamente terreno: solo con una chiusura di seduta superiore a detto ostacolo assisteremmo alla riattivazione della tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre) e, in ottica temporale più estesa, sul top pluriennale a 24450 circa toccato a inizio ottobre.

S&P 500 sui massimi da inizio anno

S&P 500 instancabile ed in continuo progresso nel corso dell'ultima settimana. L'indice ha archiviato l'ottava a 2892 punti facendo registrare nuovi massimi da inizio anno e la chiusura più elevata dallo scorso 4 ottobre. Una progressione che ribadisce la volontà dell'indice di riportarsi sui massimi storici toccati a settembre a quota 2940, cammino che nel breve rischia però di essere ostacolato dalle resistenze presenti in area 2900.

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Indici Esteri (AIE)