Analisi Indici Esteri (AIE)

Nuovi record da inizio anno per l'S&P 500

Prosegue il buon momento dell'S&P 500 che ieri ha archiviato la prima seduta del mese di aprile con un progresso superiore al punto percentuale a quota 2867. I prezzi hanno toccato nuovi massimi annuali dando l'impressione di voler proseguire il cammino intrapreso dai bottom di inizio anno in direzione dei record di settembre a quota 2940. Nel breve il gap lasciato aperto ieri in avvio di scambi a quota 2836 potrebbe momentaneamente frenare l'ascesa dei corsi richiamando l'indice verso di se prima di un nuovo allungo con target in area 2900.

Il Nikkei 225 resta sotto la resistenza

Mercato azionario giapponese stabile, il Nikkei 225 ha terminato a 21505,31 punti, -0,02% rispetto alla chiusura precedente (21509,95). L'indice nipponico si avvicina in avvio di seduta al massimo di inizio marzo a 21860 circa per poi perdere progressivamente terreno. In caso di superamento confermato in chiusura dell'ostacolo citato si creerebbero i presupposti per la ripresa della tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre) e, in ottica temporale più estesa, sul top pluriennale a 24450 circa toccato a inizio ottobre.

Il Nikkei 225 supera le prime resistenze

Mercato azionario giapponese in netto progresso, il Nikkei 225 ha terminato a 21509,95 punti, +1,43% rispetto alla chiusura precedente (21205,81). L'indice nipponico accelera al rialzo, supera le prime resistenze (in particolare quelle a 21400/21450) e si candida a un nuovo attacco al massimo di inizio marzo a 21860 circa: una vittoria su questo ultimo riferimento determinerebbe la riattivazione della tendenza ascendente in essere da dicembre con primo obiettivo sui 22700 (picco del 3 dicembre) e, in ottica temporale più estesa, sul top pluriennale a 24450 circa toccato a inizio ottobre.

S&P 500 reattivo in chiusura di settimana

Chiusura di ottava positiva per l'S&P 500 che ha fatto registrare un rialzo dello 0,67% a 2834,4 punti. Tale performance (chiusura settimanale più alta da inizio anno) ha permesso di annullare la flessione della settimana precedente rilanciando le ambizioni di crescita del principale indice azionario statunitense. La resistenza in area 2820, che aveva frenato l'ascesa dei corsi nell'ultimo mese, sembra vinta, ma l'indice dovrà comunque confermarsi oltre tale livello almeno nel breve per ambire al proseguimento del rialzo verso i record assoluti toccati a settembre a quota 2940.

Nikkei 225: scenario incerto nel breve

Mercato azionario giapponese in recupero, il Nikkei 225 ha terminato a 21205,81 punti, +0,82% rispetto alla chiusura precedente (21033,76). La settimana va in archivio con una performance pari a -1,95%. L'indice nipponico risale dopo la flessione di ieri ma non riesce a superare i primi ostacoli a 21200/21250: resta quindi in primo piano il rischio di assistere all'ennesimo test di 20900/20950, supporto decisivo nel breve termine.

Il Nikkei 225 scende a mettere pressione su un importante supporto

Mercato azionario giapponese in flessione, il Nikkei 225 ha terminato a 21033,76 punti, -1,61% rispetto alla chiusura precedente (21378,73). L'indice nipponico arretra verso area 20900/20950, supporto già testato due volte nelle ultime tre settimane e decisivo nel breve termine. L'eventuale violazione dello stesso determinerebbe infatti il completamento del potenziale doppio massimo in formazione da inizio mese: in tal caso, probabile un affondo verso il minimo dell'8 febbraio a 20300 circa, ultimo sostegno utile a scongiurare il ritorno sui 18950 di fine dicembre.

Nikkei 225 a ridosso delle prime resistenze

Mercato azionario giapponese in lieve calo, il Nikkei 225 ha terminato a 21378,73 punti, -0,23% rispetto alla chiusura precedente (21428,39). L'indice nipponico esita a ridosso degli ostacoli a 21400/21450, decisivi per assistere a un nuovo attacco all'importante resistenza a 21870 ed eventualmente alla riattivazione del movimento rialzista partito a fine dicembre con obiettivo minimo sui 22700 (picco del 3 dicembre) e, in ottica temporale più estesa, sul top pluriennale a 24450 circa toccato a inizio ottobre.

Nikkei 225 in pressione su un importante supporto

Mercato azionario giapponese in forte ribasso, il Nikkei 225 ha terminato a 20977,11 punti, -3,01% rispetto alla chiusura precedente (21627,34). Brusca flessione per l'indice nipponico che rompe in sequenza una serie di supporti e scende a mettere pressione sull'importante sostegno rappresentato dal minimo dell'11 marzo a 20940 circa.

Nikkei 225 pronto ad attaccare le prossime resistenze

Mercato azionario giapponese poco mosso, il Nikkei 225 ha terminato a 21627,34 punti, +0,09% rispetto alla chiusura precedente (21608,92). La settimana va in archivio con una performance pari a +0,82%. Quadro grafico stazionario per l'indice nipponico che appare ben posizionato per lanciare un nuovo attacco a 21870 (massimo del 13 dicembre) dopo quello fallito a inizio mese.

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Indici Esteri (AIE)