Editoriale

Borsa Usa, dalle trimestrali speranze per il 2020 al rialzo

Versione con grafici

Le trimestrali delle aziende Usa nel 2019 non sono stateparticolarmente brillanti. Paradossalmente questo è un elemento positivo dalmomento che rende più facile battere, nel 2020, i risultati del 2019. Sono inmolti a credere che se il mercato azionario statunitense ha tenuto bene fino adora potrà farlo anche nel 2020 visto che superare i risultati di quest'annopotrebbe rivelarsi facile (incognita degli accordi Usa - Cina permettendo).

Nuovi record per S&P500 e Nasdaq, il momento e' cruciale

I dati macro e le trimestrali spingono la borsa Usa su nuovi massimi. A marzo la spesa delle famiglie, che come noto conta per i 2/3 circa dell'intero Pil Usa, e' cresciuta dello 0,9% su base mensile a fronte di attese di un +0,7%, si e' trattato di uno degli aumenti maggiori dell'ultima decade.
Al contrario il reddito personale e' cresciuto a marzo meno delle attese: l'aumento e' stato dello 0,1% mentre le attese erano di un +0,4% (il dato del mese precedente +0,2%).

Il Pil coreano si contrae, campanello di allarme globale?

Secondo quanto reso noto dalla Bank of Korea, il Pil di Seoul nel primo trimestre del 2019 è diminuito dello 0,3 per cento rispetto al trimestre precedente. Si e' trattato della prima contrazione dal 2008. Nei tre mesi precedenti il Pil era cresciuto dell'1%. Su base annua annualizzata, il Pil è aumentato dell'1,8% in rallentamento rispetto all'aumento del 2,7% nei tre mesi precedenti e dal 2,4% delle attese. In questo caso si e' trattato del peggior dato dal terzo trimestre del 2009.

Dollar index sopra forte resistenza, quale indizio per le borse?

Con i principali indici della borsa Usa che stanno premendo contro i massimi storici dello scorso anno (il Nasdaq 100 e' addirittura riuscito a lasciarseli alle spalle con decisione) e con i risultati delle trimestrali americane che per il momento per l'80% hanno battuto le attese ha senso temere una imminente fase di debolezza per le borse?

Pages

Subscribe to RSS - Editoriale