Analisi Varie Estero (AVE)

Micron Technology perde terreno al Nasdaq

Micron Technology perde il 5% al Nasdaq. Il produttore di chip ha presentato risultati relativi al quarto trimestre del suo esercizio segnati da profitti netti quasi raddoppiati da 561 milioni di dollari, pari a 51 centesimi per azione, a 988 milioni, e 87 centesimi. Su base rettificata l'eps è salito da 56 centesimi a 1,08 dollari, a fronte di ricavi in crescita da 4,87 a 6,06 miliardi. Il consensus di FactSet era invece per 98 centesimi e 5,89 miliardi rispettivamente.

USA: diminuiscono inaspettatamente le scorte di petrolio settimanali

L'EIA (Energy Information Administration) ha comunicato che negli USA alla fine della scorsa settimana le scorte di petrolio hanno fatto segnare un decremento di 1,980 milioni di barili, a fronte di un incremento di 1,569 milioni atteso dagli analisti (settimana precedente: -1,639 milioni di barili).

CC - www.ftaonline.com

USA: rialzo superiore alle attese ad agosto per l'Indice Pending Home Sales +8,8%

La National Association of Realtors ha reso noto che l'indice Pending Home Sales (vendite di case con contratti ancora in corso) ha evidenziato ad agosto un incremento dell'8,8% dopo il rialzo del 5,9% a luglio e dopo il forte recupero di maggio e giugno rispettivamente del 44,3% e del 16,6%. Gli addetti ai lavori avevano stimato una variazione positiva pari al 3% mese su mese. L'indice è salito a 132,8 punti da 122,1 punti precedenti.

CC - www.ftaonline.com

Dollaro in rialzo

Il Dollar Index segna in queste ore un corposo rialzo dello 0,28% a quota 94,2. In particolare il biglietto verde si apprezza dello 0,42% sull'euro e dello 0,1% sullo yen. Probabilmente influiscono sulle quotazioni del dollaro i positivi dati sulla variazione dell'occupazione non agricola ADP (+749 mila unità a settembre contro le 650 mila attese e le 481 mila della rilevazione precedente) e persino il dato sul Pil del secondo trimestre che pur crollando del 31,4% è stato leggermente migliore delle attese (-31,7%).

Bond News: Euromacro

Molte le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

L'ONS (Office for National Statistics) ha reso noto che in Gran Bretagna il PIL e' crollato del 19,8% nel secondo trimestre 2020, risultando meglio del previsto (-20,4%) ma in forte calo rispetto al dato del quarto trimestre (-2,2%). Su base annuale il PIL e' risultato in calo del 21,5% rispetto allo stesso periodo del 2019 risultando inferiore alle attese, pari a -21,7%, e al dato precedente fissato su un calo dell'1,7%.

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Varie Estero (AVE)