Analisi Pillole Italia (API)

Credito Valtellinese accelera verso una resistenza determinante

Creval (+4,14%) sta recuperando terreno dopo la pausa avviata a settembre da 0,0691 euro. Il titolo dovrà lasciarsi alle spalle questo riferimento, e a maggior ragione la trend line che scende dai top di aprile attualmente passante da 0,0691 circa, per inviare segnali duraturi di ripresa per obiettivi sui massimi di inizio anno a 0,076/0,077 circa. Diversamente il rischio di dietro front verso 0,059 e fino ai supporti critici a 0,052 circa.

CC - www.ftaonline.com

Momento decisivo per il rialzo di Cattolica Assicurazioni

Cattolica Assicurazioni (+4,04%) si affaccia oltre la trend line che scende dai record del 2018 a 8,10 circa segnalando di possedere energie sufficienti per tentare una nuova scalata verso i massimi di luglio a 8,30 euro poi verso i top annuali a 8,975 euro, livello pari al 50% di ritracciamento della discesa partita all'inizio del 2018. L'eventuale ritorno sotto sotto area 8 preluderebbero invece a una rivisitazione di area 7,73, media mobile a 500 giorni, poi supporto a 7,50 euro.

CC - www.ftaonline.com

Be Think Solve Execute all'attacco dei massimi annuali

BE Think, Solve, Execute S.p.A. (+4,58%) in abbrivio al test dei top annuali a 1,16 circa. Il titolo è sulla buona strada per proseguire il movimento al rialzo in direzione del lato superiore del canale che sale dai minimi dello scorso novembre, a 1,25 circa e di rivedere i record toccati nel 2017 a 1,267 euro. La nìmancata rottura di area 1,16 potrebbe invece favorire l'avvio di una pausa corroborante, preludio a cali verso i primi supporti a 1,05/1,07.

CC - www.ftaonline.com

Anima Holding accelera verso i top annuali

Anima Holding (+0,9%) estende il rialzo oltre il top di aprile a 3,83 e punta verso il lato superiore del canale che contiene il rialzo dai minimi di giugno, corrispondente ai top annuali toccati a marzo a 3,94 euro. Sviluppi positivi giungerebbero nel caso di superamento di area 4 per target a 4,68 circa, massimi di settembre 2018. Nella direzione opposta solo flessioni sotto 3,40 euro potrebbero deteriorare il lo scenario rialzista di medio termine preludendo a cali fino ai 3 euro.

CC - www.ftaonline.com

Sotto la lente dell'analisi tecnica

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Falck Renewables

Eurotech su massimi del 2007

Eurotech (+4,3%) continua a premere sull'acceleratore e tocca a 8,30 il livello più alto da oltre dieci anni nonostante i segnali di eccesso evidenziati dall'RSI a 14 sedute. La comparsa di una divergenza potenzialmente ribassista tra il grafico dei prezzi e tale oscillatore rischia tuttavia di favorire una pausa corroborante prima di assistere a ulteriori rialzi in direzione di 9/9,20 euro. Discese sotto area 7 farebbero invece temere che l'energia propulsiva sia quasi esaurita, anticipando cali in direzione di quota 6.

CC - www.ftaonline.com

Ferrari verso lato superiore fase consolidamento

Ferrari (+0,6%) si muove da luglio in un canale moderatamente bassista. Tale canale tuttavia potrebbe dimostrarsi un "banner", figura di continuazione del rialzo in atto da fine 2018. Conferme in questo senso verrebbero alla rottura del lato superiore del canale stesso a 146 circa. In quel caso target a 148,80 e 152,55, record di luglio. Discese sotto 132, anticipate dalla violazione di area 136, farebbero temere il test dei supporti in area 130. Segnali di debolezza più preoccupanti solo sotto area 125.

CC - www.ftaonline.com

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Pillole Italia (API)