Mercati asiatici

Nuova Zelanda: Anz Business Confidence salito a -28,5 punti

Nuovo recupero in settembre per la fiducia delle aziende neozelandesi. L'indice Anz Business Confidence della Nuova Zelanda è infatti salito nel mese in chiusura a -28,5 punti da -41,8 punti di agosto (-31,8 punti in luglio). Il dato è però stato rivisto al ribasso da -26,0 punti della lettura preliminare. L'indice aveva toccato in aprile i minimi dal 1988 (a -66,6 punti), anno in cui si era iniziato a elaborare la statistica.

RR - www.ftaonline.com

Crollo del 4% al Nasdaq per Micron. Sull'outlook pesa Huawei

Micron Technology ha sfiorato un crollo del 4% in after market (la seduta di martedì al Nasdaq si era però chiusa con un rialzo dell'1,99%), dopo che il produttore di chip dell'Idaho ha presentato risultati relativi al quarto trimestre del suo esercizio segnati da profitti netti quasi raddoppiati da 561 milioni di dollari, pari a 51 centesimi per azione, a 988 milioni, e 87 centesimi. Su base rettificata l'eps è salito da 56 centesimi a 1,08 dollari, a fronte di ricavi in crescita da 4,87 a 6,06 miliardi. Il consensus di FactSet era invece per 98 centesimi e 5,89 miliardi rispettivamente.

Turchia: Economic Confidence Index in progresso a 88,5 punti

Secondo quanto comunicato martedì dal Türkiye ?statistik Kurumu (l'Ufficio nazionale di statistica di Ankara), in settembre l'Economic Confidence Index ha registrato in Turchia un progresso a 88,5 punti dagli 85,9 punti di agosto (82,2 punti in luglio). L'indice è in costante miglioramento da quando in aprile si era attestato sui minimi di 51,3 punti ma resta sotto la soglia di 100 punti che separa ottimismo da pessimismo dall'aprile 2018.

Shanghai chiude in flessione. L'Hang Seng guadagna lo 0,79%

In una seduta contrastata per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha perso l'1,50%), le piazze della Cina continentale registrano un andamento altalenante, nonostante i dati macroeconomici in arrivo da Pechino che confermano la ripresa economica. Alla fine Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 perdono infatti lo 0,20% e lo 0,10% rispettivamente, contro il rialzo limitato allo 0,05% dello Shenzhen Composite.

Giappone: in agosto ordinativi costruzioni balzati del 28,5%

Secondo i dati diffusi dal ministero di Territorio, Infrastrutture, Trasporto e Turismo del Giappone, gli ordinativi di nuove costruzioni, incassati dai 50 maggiori gruppi del settore del Sol Levante, sono balzati del 28,5% annuo in agosto, dopo il crollo del 22,9% di luglio (13,4% la flessione di marzo). Si chiude così una striscia di contrazione durata sei mesi.

RR - www.ftaonline.com

Giappone: in agosto nuovi cantieri crollati del 9,1% annuo

Secondo i dati diffusi dal ministero di Territorio, Infrastrutture, Trasporto e Turismo nipponico, in agosto i nuovi cantieri edili residenziali sono crollati in Giappone del 9,1% annuo, in ulteriore miglioramento rispetto alla contrazione dell'11,3% della lettura finale di luglio (12,8% la flessione di giugno). Il dato, che segna il tredicesimo mese consecutivo di contrazione, è anche migliore rispetto al crollo del 10,9% stimato dagli economisti.

RR - www.ftaonline.com

Giappone: in luglio indice anticipatore salito a 86,7 punti

Secondo quanto reso noto dall'Ufficio di Gabinetto nipponico, l'indice anticipatore del Giappone è salito in luglio a 86,7 punti dagli 83,8 punti di giugno (78,5 punti in maggio). Il dato è stato rivisto al ribasso dagli 86,9 punti della lettura preliminare diffusa in precedenza. L'indice di coincidenza, che sintetizza lo stato attuale dell'economia, è invece cresciuto a 78,3 punti dai 74,4 punti precedenti (71,3 punti in maggio, livello più basso dai 71,2 punti dell'aprile 2009), in questo caso sopra ai 76,2 punti del dato flash.

RR - www.ftaonline.com

Asia-Pacific in negativo. Nikkei 225 in flessione dell'1,50%

Dopo una seduta in negativo per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Dow Jones Industrial Average, deprezzatosi martedì dello 0,48%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza si è fatta maggiormente contrastata, a fronte di dati macroeconomici in arrivo dalla Cina che hanno di fatto confermato la ripresa dell'economia.

Cina: a settembre Pmi non manifatturiero salito a 55,9 punti

Secondo quanto comunicato dalla China Federation of Logistics and Purchasing in collaborazione con l'Ufficio nazionale di statistica di Pechino, in settembre l'indice Pmi non manifatturiero, calcolato prevalentemente su costruzioni e servizi, è salito in Cina a 55,9 punti dai 55,2 punti di agosto (54,2 punti in luglio), restando per il settimo mese consecutivo sopra alla soglia di 50 punti che separa espansione da contrazione. Il Pmi Composite, che raggruppa manifatturiero e servizi, è invece cresciuto a 55,1 punti dai 54,5 punti precedenti (54,1 punti in luglio).

RR - www.ftaonline.com

Nikkei 225 respinto dalle resistenze

Mercato azionario giapponese in netta flessione. Il Nikkei 225 questa mattina ha terminato a 23185,12 punti, -1,50% rispetto alla chiusura precedente (23539,10). L'indice nipponico arretra con decisione dopo aver testato ieri i massimi allineati della prima metà di settembre a 23580 circa e scivola sotto i riferimenti a 23300 circa. Quest'ultima circostanza riporta in primo piano il rischio di test di area 22850-22900, dove troviamo il minimo del 9 settembre.

Pages

Subscribe to RSS - Mercati asiatici