Rassegna Stampa

Dopo la vittoria di Trump la messicana Jose Cuervo mette in stand-by l'Ipo

La messicana Jose Cuervo, marchio ultracentenario di tequila ancora a controllo familiare, secondo fonti citate da Reuters avrebbe messo in stand-by il collocamento alla Bolsa Mexicana de Valores (Bmv), che secondo gli analisti avrebbe fruttato una raccolta compresa tra 750 milioni e 1 miliardo di dollari. Il dietrofront è direttamente legato alla vittoria alle presidenziali Usa di Donald Trump, che in campagna elettorale aveva avuto tra i suoi bersagli preferiti proprio il Messico. L'effetto-Trump ha infatti pesato significativamente sulla valuta messicana ma anche sui corsi di Borsa.

Banco Popolare BP Milano recuperano dai minimi dopo precisazioni su indiscrezioni coperture npl

Banco Popolare (-1,9%) e BP Milano (-1,7%) sopra i minimi di stamattina dopo che la prima ha comunicato che non sono ancora pervenuti "gli esiti definitivi degli accertamenti che verranno comunicati alla Banca dal Joint Supervisory Team a valle dell' abituale confronto con le competenti funzioni della BCE" e che "entro il 31 dicembre 2016 provvederà a completare gli ulteriori accantonamenti di natura straordinaria previsti nel piano di integrazione" con BP Milano: non sono pertanto previste "sostanziali modifiche alle previsioni al riguardo inserite nel Piano strategico del Gruppo risultant

Hyundai cede la quota detenuta in Korea Aerospace Industries per 240 mln

Il gruppo automobilistico sudcoreano Hyundai Motor ha comunicato di avere venduto l'intero pacchetto detenuto nel capitale della connazionale Korea Aerospace Industries (Kai, produttore di aerei da combattimento). La cessione della quota del 4,85% (pari a 4,73 milioni di azioni) secondo il quotidiano Maeil Business Newspaper ha garantito a Hyundai un incasso di circa 300 miliardi di won (240 milioni di euro). Hyundai Motor aveva chiuso in progresso dello 0,37% la seduta a Seoul, contro il guadagno dello 0,23% del Kospi.

Carlyle Group tratta il takeover di Novolex in deal da oltre 2,5 mld $

Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, Carlyle Group starebbe trattando l'acquisizione di Novolez, per una valutazione dell'azienda Usa del packaging di oltre 2,5 miliardi di dollari. Novolex, che produce prevalentemente buste e sacchetti di plastica e carta utilizzati nella grande distribuzione (alimentare e non solo), è controllata dal 2012 dall'altro private Wind Point.

La ristrutturazione di Airbus mette a rischio 780 posti di lavoro

Secondo quanto riporta Les Echos, citando stime del sindacato francese Cftc, la ristrutturazione di Airbus Group comporterà la perdita di 780 posti di lavoro. A fine settembre Airbus aveva comunicato che il board aveva approvato un nuovo piano di turnaround che prevede la fusione delle attività corporate con quelle della principale divisione Airbus Commercial Aircraft in una nuova singola entità. Processo che comporterà la fusione delle sedi del gruppo, già avviata in precedenza, da Parigi a Monaco in quella di Tolosa.

Banco Popolare e BP Milano in rosso: rumor su ispezione BCE

Banco Popolare (-2,9%) e BP Milano (-3,1%) in rosso su indiscrezioni del Sole 24 Ore in base alle quali un'ispezione BCE avrebbe rilevato, anche se su base preliminare, alcune carenze a livello di copertura di crediti deteriorati: l'Eurotower potrebbe richiedere più capitale a copertura degli npl, ma non necessariamente un aumento.

Via libera da Washington alla vendita di 106 Airbus all'Iran

Lo U.S. Treasury Department (il ministero del Tesoro Usa) ha emesso una licenza in favore di Airbus permettendo la vendita di 106 aerei commerciali all'Iran. Lo riporta Reuters, citando una fonte dell'Office of Foreign Assets Control del Tesoro Usa. Nonostante il colosso aerospaziale europeo sia basato in Francia deve comunque avere il via libera da Washington per la commessa iraniana visto che almeno il 10% della componentistica dei suoi velivoli è prodotto in Usa. La scorsa settimana, nota Reuters, la U.S.

Deutsche Börse si attende per metà dicembre le obiezioni di Bruxelles alla fusione con l'Lse

Carsten Kengeter, chief executive di Deutsche Börse, ha detto martedì a Reuters che prevede di sentire le obiezioni sollevate dalla Commissione europea alla fusione da 27 miliardi di euro con London Stock Exchange Group (Lse, la società-mercato britannica che controlla anche Borsa Italiana) nella seconda settimana di dicembre. "Arriveranno nella seconda settimana di dicembre con la comunicazione delle cosiddette obiezioni. Quello sarà il prossimo punto di svolta", ha sottolineato parlando a margine di una conferenza a Berlino.

Ascend Learning studia la vendita per valutazione superiore a 2 mld $

Secondo quanto riporta in esclusiva Reuters, Ascend Learning, azienda Usa specializzata nei software didattici (usati per esempio in ambito medico), starebbe studiando la possibile vendita per una valutazione di oltre 2 miliardi di dollari. Ascend è controllata dal private Providence Equity Partners, che l'aveva creata nel 2010 unendo società acquisite in precedenza.

La svedese Autoliv e l'americana Key Safety Systems restano in gara per acquisire Takata

Secondo quanto riporta Bloomberg, la giapponese Takata avrebbe ridotto a due la shortlist delle potenziali acquirenti. In gara sarebbero rimasti solo i produttori di componentistica svedese Autoliv e americano Key Safety Systems (controllato però dalla cinese Ningbo Joyson Electronic e sostenuto dal private Carlyle).

Pages

Subscribe to RSS - Rassegna Stampa