Rassegna Stampa

Burberry respinge offerte per il takeover da parte dell'americana Coach

Secondo quanto riportato domenica dal Financial Times, Burberry avrebbe rispedito al mittente diverse proposte d'acquisto da parte di Coach. Una fusione tra il brand britannico e il produttore Usa di borse darebbe vita a un colosso del lusso con una capitalizzazione di mercato superiore a 20 miliardi di dollari. Il quotidiano finanziario ha spiegato che le proposte sarebbero state in contanti e azioni, anche se non è chiaro quale fosse il premio previsto, né se Burberry fosse impegnata in negoziati con Coach.

Alibaba non è interessata a rilevare l'indiana Snapdeal

Secondo fonti citate da Reuters, Alibaba Group Holding non avrebbe intenzione di acquisire l'indiana Snapdeal, come riportato giovedì dal sito Factor Daily. Il colosso cinese è comunque tra i maggiori investitori della start-up di New Delhi attiva nel commercio elettronico, avendo partecipato lo scorso anno a una tornata di finanziamenti da 500 milioni di dollari, insieme a Hon Hai Precision Industry di Taiwan (nota con il nome di Foxconn come produttore di smartphone, a partire dagli iPhone di Apple) e alla giapponese SoftBank, che aveva valutato Snapdeal circa 5 miliardi.

Obama verso il no al takeover di Aixtron da parte della cinese Fujian Grand Chip

Secondo quanto riporta Bloomberg, il presidente Usa Barack Obama sarebbe intenzionato a bloccare l'acquisizione di Aixtron, produttore tedesco di apparecchi per la manifattura di semiconduttori, da parte della cinese Fujian Grand Chip Investment Fund. Già lo scorso mese Aixtron aveva anticipato che era verosimile che il Committee on Foreign Investment in the United States (Cfius, agenzia intergovernativa Usa che valuta le implicazioni in tema di sicurezza nazionale degli investimenti esteri) bloccasse il takeover da 670 milioni di euro annunciato in novembre.

United Continental studia modifica alla commessa da 12,4 mld $ con Airbus

Secondo quanto riportato da Bloomberg, United Continental Holdings (il colosso dei cieli Usa nato dalla fusione di United Airlines e Continental Airlines nel 2010) potrebbe convertire l'ordinativo da 12,4 miliardi di dollari di Airbus A350-1000 in versioni più piccole del velivolo o virare addirittura sugli A330. Andrew Levy, chief financial officer del gruppo dallo scorso agosto, starebbe anche rivalutando il programma di buyback da 2 miliardi di dollari annunciato in estate.

Actelion crolla a Zurigo (-6%) su voci di rifiuto alla proposta di J&J

Actelion continua ad andare in altalena sul listino in relazione alle trattative con Johnson & Johnson (J&J). Mercoledì il titolo della biotech elvetica ha segnato un crollo del 6,22% a Zurigo su indiscrezioni secondo cui sarebbe stata rifiutata una proposta, per altro migliorata rispetto a quella iniziale, per il takeover da parte del colosso Usa.

Albertsons tratta l'acquisizione di Price Chopper in deal da 1 mld $

Secondo quanto riporta in esclusiva Reuters, Albertsons Companies sarebbe in trattativa avanzata per acquisire il gruppo della grande distribuzione alimentare di circa 1 miliardo di dollari. La preda, basata nello Stato di New York, è controllata da oltre 80 anni dalla famiglia Golub. Albertsons, che è controllato dal private Cerberus Capital Management, è diventato il numero due settore alimentare in Usa dietro a Kroger con l'acquisizione di Safeway per 9,2 miliardi di dollari lo scorso anno.

Actelion crolla a Zurigo (-6%). Trattative con J&J ma non per un takevover

Il mercato non ha reagito bene all'ipotesi che le trattative per il takeover di Actelion da parte di Johnson & Johnson (J&J) virino verso un'operazione complessa che comporterebbe la creazione di una nuova società in cui far confluire le attività della biotech elvetica insieme a quelle nel comparto del colosso Usa. Actelion di fatto rimarrebbe indipendente, hanno spiegato fonti citate dal Financial Times, e Johnson & Johnson sarebbe solo azionista di riferimento della nuova entità.

Cme Group offre 400 mln per il clearing francese del London Stock Exchange

Secondo quanto riportato dal quotidiano londinese Times, Cme Group avrebbe presentato un'offerta per acquisire la divisione francese di clearing del London Stock Exchange per una valutazione superiore a 340 milioni di sterline (pari a poco meno di 400 milioni di euro). In precedenza anche Euronext aveva trattato l'acquisizione del business. La società-mercato britannica, impegnata nella fusione da 27 miliardi di euro con Deutsche Börse, ha messo in vendita il business all'interno delle dismissioni di asset finalizzate a ottenere il via libera regolatorio dalle autorità Ue.

Pages

Subscribe to RSS - Rassegna Stampa