Rassegna Stampa

Avalara prepara l'Ipo a Wall Street per valutazione di 1 mld $

Secondo fonti citate da Reuters, Avalara avrebbe avviato con le banche il processo per il collocamento a Wall Street il prossimo anno. Ipo che potrebbe valutare l'azienda di Seattle, specializzata in software per la contabilità e le normative fiscali, circa 1 miliardo di dollari.

Nissan, Renault e Mitsubishi condivideranno la piattaforma per le vetture elettriche

Secondo quanto riportato dal quotidiano Nikkei, Nissan Motor, Renault e Mitsubishi Motors si preparano a unire le rispettive piattaforme per la produzione di veicoli elettrici, con l'obiettivo di abbattere il costo di vendita portandolo ai livelli di quelli alimentati a combustili fossili. Renault e Mitsubishi dovrebbero utilizzare la piattaforme della Leaf di Nissan, la cui nuova versione dovrebbe arrivare sul mercato nel 2018.

Dopo quasi un anno e mezzo Idemitsu può chiudere l'acquisizione del 33,24% di Showa Shell da Shell

Secondo quanto riportato sabato dal quotidiano Nikkei, il via libera dalle autorità antitrust del Giappone dovrebbe arrivare in settimana permettendo a Idemitsu Kosan di acquisire il 33,24% del capitale di Showa Shell Sekiyu da Royal Dutch Shell per 170 miliardi di yen (pari a 1,38 miliardi di euro al cambio attuale). L'accordo per la vendita era stato siglato oltre un anno fa ma l'operazione era slittata a causa degli ostacoli relativi al piano di fusione tra i due raffinatori nipponici (insieme avrebbero circa il 30% del mercato dei carburanti del Sol Levante).

Sanofi pronta a offrire 28 miliardi per il takeover di Actelion

Secondo quanto riporta Bloomberg, Sanofi sarebbe in trattativa avanzata per acquisire Actelion e starebbe discutendo una proposta di oltre 280 franchi per azione (contro i circa 257 franchi della proposta di Johnson & Johnson, respinta da Actelion), per una valutazione della biotech elvetica ampiamente superiore ai 30 miliardi di franchi (oltre 28 miliardi di euro). Johnson & Johnson aveva comunicato martedì di essersi tolta dai negoziati per il takeover di Actelion.

Verizon pronta al dietrofront sul deal con Yahoo! che affonda al Nasdaq (-6%)

Secondo quanto riportano fonti citate da Bloomberg, Verizon Communications starebbe valutando la possibilità di chiedere uno sconto o di fare del tutto dietrofront dall'acquisizione da 4,83 miliardi di dollari, annunciata in luglio, delle attività su Internet di Yahoo! (che comprendono servizi come Yahoo! Mail, la piattaforma di advertising online e siti d'informazione sportiva). Dietro al cambio di rotta l'annuncio da parte di Yahoo! stessa, che giovedì aveva ammesso di avere subito un attacco informatico nel 2013 che aveva messo a rischio 1 miliardo di account di suoi utenti.

Telecom Italia (+3,7%) terreno di battaglia Fininvest-Vivendi?

Speculazione su Telecom Italia (+3,7%): alcuni operatori puntano sul fatto che Fininvest possa contrattaccare acquistando titoli della compagnia telefonica, controllata da Vivendi. Il Messaggero ipotizza che la finanziaria di Silvio Berlusconi intenda acquisire il 10% di Telecom per avere più potere negoziale con i francesi nell'"affaire" Mediaset.

Mondelez vola a Wall Street (+12%) su voci di takeover da parte di Kraft-Heinz

Mondelez International ha toccato un guadagno superiore al 12% in after market a Wall Street (la seduta di mercoledì si era chiusa con un declino dello 0,58%), dopo che la rivista elvetica Bilanz aveva riportato che Kraft-Heinz stava valutandone il takeover. Fonti citate da Reuters hanno poi escluso che ci siano trattative in corso.

Sinopec torna a studiare l'Ipo a Hong Kong del retail. Raccolta potenziale di 10 mld $

Secondo quanto riporta Bloomberg, China Petroleum & Chemical (Sinopec, il colosso petrolifero statale cinese) si preparerebbe all'Ipo il prossimo anno per la divisione che gestisce 30.000 stazioni di rifornimento e 23.000 minimarket. Il collocamento a Hong Kong potrebbe raccogliere oltre 10 miliardi di dollari. Per Sinopec Marketing, questo il nome della divisione retail, era già stato studiato il collocamento lo scorso anno dopo la cessione nel 2014 del 29,9% del capitale a un gruppo di investitori per 107 miliardi di yuan (14,6 miliardi di euro al cambio attuale).

Johnson & Johnson si ritira dalla corsa su Actelion. Campo aperto per Sanofi

Johnson & Johnson ha comunicato martedì di essersi tolta dai negoziati per il takeover di Actelion. La biotech elvetica, da parte sua, ha successivamente dichiarato di essere "impegnata in discussioni con un altro soggetto per una possibile operazione strategica". Soggetto che, secondo gran parte degli osservatori, risponde al nome di Sanofi (Bloomberg aveva già riportato che il gruppo farmaceutico francese stava lavorando a un'offerta).

Le cinesi Sanan e Go Scale rinunciano al takeover di Osram Licht

Secondo fonti citate da Reuters, le cinesi Sanan Optoelectronics e Go Scale si sarebbero ritirate dalla corsa per acquisire Osram Licht. In ottobre la rivista tedesca WirtschaftsWoche aveva riportato che Sanan era pronta a presentare un'offerta d'acquisto sul gruppo dell'illuminotecnica per una valutazione di 7,33 miliardi di euro, debito escluso (sul piatto circa "70 euro per azione" pari a un premio del 29% rispetto ai corsi di Borsa).

Pages

Subscribe to RSS - Rassegna Stampa