Rassegna Stampa

Alfa Laval e Honeywell in gara per acquisire la svedese Munters per 1 mld

Secondo fonti citate da Reuters, Alfa Laval e Honeywell sarebbero in gara per acquisire Munters, per una valutazione dell'azienda svedese specializzata in trattamento dell'aria intorno a 10 miliardi di corone (pari a poco più di 1 miliardo di euro). Interessate all'acquisizione di Munters, controllata da Nordic Capital, ci sarebbero anche in private Tpg, Bain, Kkr ed Eqt. Nordic Capital aveva acquisito Munters nel 2010 per 5,7 miliardi di corone (circa 600 milioni di euro) battendo la concorrenza proprio di Alfa Laval.

Bosch vicina al patteggiamento in Usa sul Dieselgate. Pagherà 300 mln $

Secondo fonti citate da Reuters lunedì, la tedesca Robert Bosch sarebbe vicina a patteggiare una causa depositata dai proprietari Usa di vetture Volkswagen pagando oltre 300 milioni di dollari di risarcimenti. Il colosso tedesco della componentistica auto aveva fornito a Wolfsburg il software per testare le emissioni dei motori, utilizzato dalla connazionale per manipolarne i risultati, in quello che poi è diventato noto come Dieselgate. In aprile Bosch aveva comunicato di avere accantonato 650 milioni di euro, per cautelarsi dai rischi legali, a bilancio nel 2015.

Washington chiede 5-7 mld $ a Credit Suisse per patteggiare sui titoli tossici

Secondo quanto riporta in esclusiva Reuters, lo U.S. Justice Department avrebbe chiesto a Credit Suisse pagamenti compresi tra 5 e 7 miliardi di dollari per patteggiare contenziosi che riguardano la vendita di titoli tossici legati all'immobiliare fino allo scoppio della crisi subprime nel 2008. Credit Suisse aveva chiuso in declino dell'1,78% la seduta di lunedì a Zurigo.

Usa: in arrivo il patteggiamento per Deutsche Bank molto sotto i 14 mld $ previsti

Secondo quanto riportano fonti citate da Reuters, Deutsche Bank potrebbe chiudere in settimana l'accordo con lo U.S. Justice Department in merito ai contenziosi che riguardano la vendita di titoli legati all'immobiliare nel periodo 2005-2007. Il patteggiamento dovrebbe arrivare a una cifra ben inferiore ai 14 miliardi di dollari chiesti in settembre da Washington.

Avalara prepara l'Ipo a Wall Street per valutazione di 1 mld $

Secondo fonti citate da Reuters, Avalara avrebbe avviato con le banche il processo per il collocamento a Wall Street il prossimo anno. Ipo che potrebbe valutare l'azienda di Seattle, specializzata in software per la contabilità e le normative fiscali, circa 1 miliardo di dollari.

Nissan, Renault e Mitsubishi condivideranno la piattaforma per le vetture elettriche

Secondo quanto riportato dal quotidiano Nikkei, Nissan Motor, Renault e Mitsubishi Motors si preparano a unire le rispettive piattaforme per la produzione di veicoli elettrici, con l'obiettivo di abbattere il costo di vendita portandolo ai livelli di quelli alimentati a combustili fossili. Renault e Mitsubishi dovrebbero utilizzare la piattaforme della Leaf di Nissan, la cui nuova versione dovrebbe arrivare sul mercato nel 2018.

Dopo quasi un anno e mezzo Idemitsu può chiudere l'acquisizione del 33,24% di Showa Shell da Shell

Secondo quanto riportato sabato dal quotidiano Nikkei, il via libera dalle autorità antitrust del Giappone dovrebbe arrivare in settimana permettendo a Idemitsu Kosan di acquisire il 33,24% del capitale di Showa Shell Sekiyu da Royal Dutch Shell per 170 miliardi di yen (pari a 1,38 miliardi di euro al cambio attuale). L'accordo per la vendita era stato siglato oltre un anno fa ma l'operazione era slittata a causa degli ostacoli relativi al piano di fusione tra i due raffinatori nipponici (insieme avrebbero circa il 30% del mercato dei carburanti del Sol Levante).

Sanofi pronta a offrire 28 miliardi per il takeover di Actelion

Secondo quanto riporta Bloomberg, Sanofi sarebbe in trattativa avanzata per acquisire Actelion e starebbe discutendo una proposta di oltre 280 franchi per azione (contro i circa 257 franchi della proposta di Johnson & Johnson, respinta da Actelion), per una valutazione della biotech elvetica ampiamente superiore ai 30 miliardi di franchi (oltre 28 miliardi di euro). Johnson & Johnson aveva comunicato martedì di essersi tolta dai negoziati per il takeover di Actelion.

Verizon pronta al dietrofront sul deal con Yahoo! che affonda al Nasdaq (-6%)

Secondo quanto riportano fonti citate da Bloomberg, Verizon Communications starebbe valutando la possibilità di chiedere uno sconto o di fare del tutto dietrofront dall'acquisizione da 4,83 miliardi di dollari, annunciata in luglio, delle attività su Internet di Yahoo! (che comprendono servizi come Yahoo! Mail, la piattaforma di advertising online e siti d'informazione sportiva). Dietro al cambio di rotta l'annuncio da parte di Yahoo! stessa, che giovedì aveva ammesso di avere subito un attacco informatico nel 2013 che aveva messo a rischio 1 miliardo di account di suoi utenti.

Pages

Subscribe to RSS - Rassegna Stampa