Mercati Americani

Per Powell l'outlook degli Usa è "straordinariamente incerto"

Per Jerome Powell l'outlook economico degli Usa è "straordinariamente incerto" e dipenderà sia dal contenimento dell'epidemia di coronavirus che dagli sforzi del governo per sostenere la ripresa. "Siamo entrati in una nuova importante fase e lo abbiamo fatto prima del previsto.

Borsa Usa: avvio di settimana positivo, vola Boeing

La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in deciso rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato il 2,32%, l'S&P 500 l'1,47% e il Nasdaq Composite l'1,20%. Mercati azionari a stelle e strisce spinti dal balzo di Boeing (+14,36%). Il colosso aerospaziale ha ricevuto dalla Federal Aviation Administration il via libera ai test sulla sicurezza dei 737 Max. L'ottimismo per una rapida ripresa economica ha messo da parte i timori per un ulteriore stop all'attività a causa dell'epidemia di coronavirus dopo i poco incoraggianti dati in termini di nuovi contagi.

Flash Mercati

Future sugli indici azionari europei in lieve calo (rispetto ai prezzi segnati in corrispondenza della chiusura dei sottostanti alle 17:30 della seduta precedente): Euro Stoxx 50 -0,3%, FTSE 100 -0,3%, DAX -0,0%, FTSE MIB -0,3%. Le chiusure dei principali indici nella seduta precedente: EURO STOXX 50 +0,87%, Londra (FTSE 100) +1,08%, Francoforte (DAX) +1,18%, Parigi (CAC 40) +0,73%, Madrid (IBEX 35) +1,39%, Milano (FTSE MIB) +1,69%.

Asia in recupero. A Tokyo Nikkei 225 in progresso dell'1,33%

Dopo un avvio d'ottava in recupero per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi il Dow Jones Industrial Average, apprezzatosi del 2,32% lunedì), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza in positivo è proseguita, grazie ai positivi dati macroeconomici in arrivo da Washington e Pechino che hanno messo in secondo piano per il momento i timori sugli effetti dell'epidemia di coronavirus. Effetti concretizzatisi finora comunque in un declino di circa il 7% nell'intero primo semestre per i mercati dell'Asia.

Per Daly (Fed) "troppo presto" per valutare solidità ripresa

Secondo Mary Daly, numero uno della Federal Reserve Bank (Fed) di San Francisco, è "troppo presto" per valutare la solidità della ripresa mentre l'economia Usa esce dal prolungato lockdown dovuto all'epidemia di coronavirus. I contagi sono tornati a crescere e i governatori di California, Florida, Texas e Arizona stanno ripristinando alcune restrizioni per porre un freno all'epidemia.

Pages

Subscribe to RSS - Mercati Americani