Mercati Americani

Per Clarida la Fed farà di più per la ripresa dell'economia

Secondo Richard Clarida, vice chairman del Board of Governors della Federal Reserve (Fed), non esiste un limite alla quantità di bond che l'istituto centrale di Washington può acquistare e la Fed ha anche altri strumenti di allentamento a sua disposizione. Intervistato martedì dalla Cnn, Clarida ha definito "assai benvenuti" i segnali di rimbalzo dell'economia Usa registrati in maggio e giugno e ha sottolineato che la Fed sta valutando gli sviluppi dell'epidemia di coronavirus e come questa determini il corso dell'attività economica. "Abbiamo un sacco di allentamento in atto.

Shanghai ancora in rialzo. Nikkei 225 in declino dello 0,78%

Dopo una seduta in negativo per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Dow Jones Industrial Average, deprezzatosi dell'1,51% martedì), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza ribassista è proseguita, per quanto in modo maggiormente contrastato. A deprimere i mercati ancora i timori legati alla crescita dei contagi da Covid-19 in diverse parti del mondo.

Flash Mercati

Future sugli indici azionari europei negativi (rispetto ai prezzi segnati in corrispondenza della chiusura dei sottostanti alle 17:30 della seduta precedente): Euro Stoxx 50 -1,1%, FTSE 100 -1,1%, DAX -1,0%, FTSE MIB -1,1%. Le chiusure dei principali indici nella seduta precedente: EURO STOXX 50 -0,85%, Londra (FTSE 100) -1,53%, Francoforte (DAX) -0,92%, Parigi (CAC 40) -0,74%, Madrid (IBEX 35) -1,44%, Milano (FTSE MIB) -0,10%.

Petrolio: riserve Usa salite di 2,0 milioni di barili (Api)

Secondo le stime riportate martedì dall'American Petroleum Institute (Api), le scorte di greggio in Usa sono salite di 2,0 milioni di barili nella settimana chiusa il 3 luglio. Le riserve di benzina sono invece calate di 1,8 milioni di barili. I dati dell'Api precedono quelli ufficiali della U.S. Energy Information Administration (Eia), che saranno diffusi in serata. Secondo il consensus di S&P Global Platts, citato da MarketWatch, l'Eia dovrebbe comunicare un ribasso di 3,7 milioni di barili per il greggio.

Wall Street chiude in ribasso

La Borsa di New York ha chiuso la seduta in ribasso. Il Dow Jones ha perso l'1,51%, l'S&P 500 l'1,08% e il Nasdaq Composite lo 0,86%. Principali fattori ribassisti sono le prese di beneficio dopo i recenti rialzi, le speculazioni sulla solidità del rimbalzo delle piazze della Cina continentale, secondo alcuni orchestrato direttamente da Pechino per ridare lustro a un'economia colpita duramente dall'epidemia di coronavirus e che deve sempre fare i conti con la guerra commerciale voluta da Donald Trump e l'andamento dei contagi Covid-19.

Per Daly (Fed) elevata disoccupazione destinata a persistere

Secondo Mary Daly, numero uno della Federal Reserve Bank (Fed) di San Francisco, nonostante il rimbalzo nelle assuzioni in maggio e giugno l'elevata disoccupazione è destinata a persistere in Usa e per questo l'istituto centrale di Washington potrebbe essere costretto a fare di più per aiutare il mondo del lavoro. Parlando martedì a un evento online organizzato dalla National Association of Business Economists, Daly ha notato come l'epidemia di coronavirus abbia decimato importanti parti dell'economia come viaggi, turismo, alberghiero, ristorazione e retail.

Vivint Solar vola al Nyse

Vivint Solar balza del 38% al Nyse. L'azienda californiana specializzata in energia solare residenziale ha comunicato di avere raggiunto l'accordo per acquisire la rivale per 3,2 miliardi di dollari, debito compreso. I soci Vivint riceveranno 0,55 azioni Sunrun per ogni titolo detenuto e arriveranno a controllare il 36% del capitale dell'azienda che nascerà dall'integrazione.

RV - www.ftaonline.com

Borsa Usa: Dow Jones e S&P 500 sotto la parità, piatto il Nasdaq

La Borsa di New York ha aperto la seduta in ribasso. Il Dow Jones perde lo 0,8%, l'S&P 500 lo 0,35%. Sostanzialmente piatto il Nasdaq Composite. Principali fattori ribassisti sono le speculazioni sulla solidità del rimbalzo delle piazze della Cina continentale, secondo alcuni orchestrato direttamente da Pechino per ridare lustro a un'economia colpita duramente dall'epidemia di coronavirus e che deve sempre fare i conti con la guerra commerciale voluta da Donald Trump ed i numeri preoccupanti della pandemia di Coronavirus.

Pages

Subscribe to RSS - Mercati Americani