Report e Ratings

UBS WM, le ripercussioni dell'epidemia di coronavirus sui mercati

Matteo Ramenghi, Chief Investment Officer UBS WM Italy, ha svolto le seguenti considerazioni e analisi sulle possibili ripercussioni economiche e finanziarie derivanti dall'epidemia di coronavirus. Le notizie di questi giorni hanno colto di sorpresa le istituzioni e i cittadini; comprensibilmente la preoccupazione per la salute prende il sopravvento rispetto a qualsiasi considerazione finanziaria.

Piazza Affari in recupero dai minimi visti in avvio. In rosso UniCredit e Tenaris, bene Nexi e Telecom. FTSE MIB -0,19%

Piazza Affari in recupero dai minimi visti in avvio. In rosso UniCredit e Tenaris, bene Nexi e Telecom. FTSE MIB -0,19%.


Il FTSE MIB segna -0,19%, il FTSE Italia All-Share -0,18%, il FTSE Italia Mid Cap -0,23%, il FTSE Italia STAR -0,13%.

BTP e spread stabili.
Il rendimento del decennale segna 0,90% (chiusura precedente a 0,91%), lo spread sul Bund segna 135 bp (da 134) (dati MTS).

Barometro CRIF, nel trimestre richieste credito imprese italiane in calo

Dalle elaborazioni effettuate sulla base del patrimonio informativo di EURISC - il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF che raccoglie i dati relativi a oltre 85 milioni di posizioni creditizie, di cui oltre 9 milioni riconducibili a imprese - emerge un quadro non confortante relativamente all'andamento delle richieste di valutazione e rivalutazione dei crediti presentate dalle imprese italiane.

IMA: Banca Akros migliora valutazioni

IMA +5,9% a 74,15 euro. Banca Akros migliora la raccomandazione da accumulate a buy e incrementa il target da 73,70 a 84 euro. Il titolo beneficia del balzo monstre della controllata GIMA TT (asta di volatilità, teorico +29,3%) in scia alla notizia secondo cui la FDA americana ha concesso la prima autorizzazione alla commercializzazione negli USA delle sigarette IQOS (scaldano il tabacco invece di bruciarlo) prodotte da Philip Morris.

Intesa Sanpaolo: Berenberg peggiora valutazioni

Intesa Sanpaolo +0,4% a 2,3460 euro. Berenberg ha peggiorato la raccomandazione sul titolo da hold a sell, con target ridotto da 2,20 a 1,85 euro. Per gli analisti l'attuale sopravvalutazione rispetto alle banche comparabili non trova giustificazione. In più, sul titolo potrebbe pesare l'incerto contesto macro italiano.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

GIMA TT sui massimi da ottobre, Mediobanca migliora valutazioni

GIMA TT, teorico +23,06% (asta di volatilità) a 8,89 euro, tocca i massimi da ottobre dopo che la FDA americana ha concesso la prima autorizzazione alla commercializzazione negli USA delle sigarette IQOS (scaldano il tabacco invece di bruciarlo) prodotte da Philip Morris. Mediobanca ha radicalmente migliorato il giudizio sul titolo portandolo da underperform a outperform, con target incrementato da 5,40 a 8,50 euro.

Pages

Subscribe to RSS - Report e Ratings