Saras in pressione sui supporti dopo gli ultimi dati su margini e crack spread

14/08/2019 14:12:33

Saras in ulteriore ribasso dopo la flessione di ieri, quando il titolo era stato penalizzato dai dati sui margini: alla fine della scorsa settimana il margine di raffinazione benchmark EMC è sceso a 3,4 dollari/barile dai 3,8 della precedente. Deboli anche il crack spread gasolio (sceso da 16,96 a 15,64 dollari/barile) e il crack spread olio combustibile (da -6,62 a -7,5 dollari/barile).

I ribassi delle ultime sedute hanno annullato il recupero successivo alla pubblicazione (fine luglio) dei dati del secondo trimestre 2019. I risultati si sono rivelati negativi ma migliori rispetto alle attese del mercato: ricavi -18% a/a, EBITDA reported -56% a/a (ma -2% su base comparabile), risultato netto +58,9 milioni di euro (-52% a/a, ma -34% su base comparabile).

L'analisi del grafico di Saras evidenzia che il titolo sta mettendo sotto pressione i supporti posizionati poco sopra 1,40 euro: l'eventuale perentoria violazione degli stessi preannuncerebbe un test di 1,36 circa, ultimo riferimento utile a scongiurare un affondo verso 1,20/1,23, minimi allineati dello scorso giugno e agosto 2016, sostegni strategici in ottica di lungo periodo. Oltre il recente massimo a 1,56 probabile un attacco agli ex supporti poco sotto 1,65: in caso di successo via libera verso area 1,90 (massimi di inizio anno).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com