Atlantia: utile netto a 1,312 mld nei primi nove mesi 2019

08/11/2019 15:02:24

Il Consiglio di Amministrazione di Atlantia S.p.A., riunitosi oggi sotto la presidenza del Dott. Fabio Cerchiai, ha approvato l'informativa finanziaria al 30 settembre 2019 del Gruppo Atlantia.

Risultati consolidati dei primi nove mesi del 2019
- Traffico sulla rete autostradale: +0,5% in Italia, +4,7% in Spagna, -0,2% in Francia, +4,1% in Cile, +4,2% in Brasile
- Traffico passeggeri: +1,7% Aeroporti di Roma, +5,1% Aéroports de la Côte d'Azur
- Ricavi operativi pari a 8.820 milioni di euro in aumento di 4.195 milioni di euro (+4% la variazione su base omogenea pro-forma)
- Margine operativo lordo (EBITDA) pari a 5.698 milioni di euro di cui il 45% generato dalle attività in Italia e il 55% all'estero, in aumento di 3.049 milioni di euro (+1% su base omogenea pro-forma)
- Cash flow Operativo ("FFO") pari a 3.974 milioni di euro, in aumento di 1.871 milioni di euro, essenzialmente per l'apporto del gruppo Abertis
- Utile del periodo di pertinenza del Gruppo pari a 1.312 milioni di euro, in aumento di 579 milioni di euro rispetto ai primi nove mesi del 2018 (733 milioni di euro, che risentivano dell'accantonamento degli oneri conseguenti l'evento del 14 agosto 2018). L'utile non risente degli impatti economici conseguenti alla applicazione definitiva della Purchase Price Allocation dell'acquisizione del Gruppo Abertis che saranno recepiti nel bilancio 2019
- Investimenti operativi complessivamente pari a 1.220 milioni di euro
- Indebitamento finanziario netto al 30 settembre 2019 pari a 38.057 milioni di euro (37.931 milioni di euro al 31 dicembre 2018) che non include i proventi derivanti dalla cessione della quota detenuta in Hispasat per 933 milioni di euro, perfezionata il 3 ottobre 2019

Evoluzione prevedibile della gestione e fattori di rischio o incertezza
La gestione operativa del Gruppo Atlantia prefigura per il 2019 un andamento complessivamente positivo, fermo restando l'impatto sui risultati a fine esercizio che potrebbero essere determinati dalle fluttuazioni dei tassi di cambio, di interesse e da eventuali discontinuità nell'operatività della compagnia aerea di bandiera. Ai risultati dell'anno in corso contribuirà inoltre il consolidamento per l'intero esercizio dei conti del gruppo Abertis, che recepirà però gli impatti economici sull'intero 2019 dell'applicazione definitiva dell'esercizio di Purchase Price Allocation conseguente all'acquisizione finalizzata a ottobre 2018. Si ritiene infine doveroso ricordare i potenziali rischi derivanti dalla comunicazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ad Autostrade per l'Italia del 16 agosto 2018 circa la contestazione di presunto grave inadempimento agli obblighi convenzionali in relazione alla tragedia di Genova, dalla successiva lettera del 20 dicembre 2018 e, da ultimo, dalla lettera del 5 aprile 2019 con la quale il Ministero concedente ha inteso precisare le proprie considerazioni in merito ad aspetti inerenti la pretesa violazione degli obblighi di custodia e manutenzione del viadotto. A tali lettere Autostrade per l'Italia ha fornito riscontro in data 3 maggio 2019, ritenendo di aver dimostrato la correttezza del proprio operato e reiterando le riserve ed eccezioni già rappresentate in merito al procedimento di cui sopra.

RV - www.ftaonline.com