Segnale di forza da parte di Leonardo

Leonardo termina la seduta di lunedì in rialzo del 7,94% a 5,682 euro. Banca Akros conferma la raccomandazione buy e il target a 6,50 euro sul titolo. Il Dipartimento della Difesa USA ha esercitato opzioni per ulteriori 36 elicotteri TH-73A per un valore di 171 milioni di dollari. L'importo della commessa non è particolarmente consistente ma secondo voci di mercato è importante poichè conferma la solidità della divisione elicotteri e aumenta la penetrazione nel mercato militare statunitense. Inoltre Thales Alenia Space (Thales 67%, Leonardo 33%) ha annunciato nel fine settimana di aver siglato con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) la prima tranche da 90 milioni di euro (su un importo complessivo di 455 milioni) di un contratto per la realizzazione e la produzione di due satelliti per il monitoraggio ambientale della Missione di imaging iperspettrale per l’ambiente Copernicus (CHIME). Il titolo ha toccato un massimo intraday a 5,738 euro. Il rialzo delle ultime ore conferma il segnale rialzista inviato il 10 novembre con la rottura a 5,08 circa della media mobile esponenziale a 50 giorni e del lato alto del canale ribassista disegnato dal picco di giugno. I prezzi si sono inizialmente allontananti dalla linea superiore del canale spingendosi a 5,65 per poi tornare a vederla con i minimi del 12 e 13 novembre sfruttandola come supporto per attivare il successivo rimbalzo. Questo comportamento, di superare una resistenza e poi effettuare un "return move" è abbastanza comune e conferisce maggiore forza al segnale originario, in questo caso la rottura al rialzo della trend line. Atteso ora il test di 6,40, target ottenuto proiettando l'ampiezza del canale dal punto di rottura. Resistenza successiva sul massimo di giugno a 7,30. Discese fino in area 5,25 non danneggerebbero le prospettive di rialzo, sotto quei livelli rischio di cali verso i 5,40 euro.