Seduta in netto calo martedi' per Unicredit

Seduta in netto calo martedi' per Unicredit: secondo Reuters sarebbero state sospese le negoziazioni con Commerzbank per la ritrosia della banca tedesca a impegnarsi in un nuovo accordo subito dopo la fine delle trattative con Deutsche Bank. Il titolo ha toccato un minimo intraday a 10,244 euro per poi stabilizzarsi poco oltre quei livelli dopo aver terminato lunedi' a 10,45 euro. A 10,25 i prezzi hanno toccato il 61,8% di ritracciamento del rialzo dal minimo del 18 giugno: fino a che questo sostegno ricavato dalla successione di Fibonacci tiene e' possibile immaginare la ripresa del rialzo con movimenti verso area 11,10 almeno, target del doppio minimo disegnato in area 9,80 euro dal 29 maggio e completato con la rottura di quota 10,45. Oltre area 11,10 diverrebbe poi possibile un tentativo di ricopertura del gap ribassista del 6 maggio con lato alto a 12,20 euro. Sotto area 10,24/25 rischio elevato invece di ritorno sul supporto critico dei 9,80 euro. La violazione anche di quei livelli, se confermata in chiusura di seduta, potrebbe anticipare ribassi fino ai 9,10 euro almeno.