Seduta marginalmente oltre la parita' per Telecom Italia

Seduta marginalmente oltre la parita' per Telecom Italia che giovedi' ha riunito il cda per valutare l’accordo di network sharing con Vodafone, i possibili sviluppi delle trattative con Open Fiber, l’evoluzione della situazione in Brasile, le prospettive del 5G e la strategia sui contenuti. Un cda insomma decisamente strategico che ha anche preso atto delle dimissioni dell’ex ad Amos Genish dal board sostituito da Frank Cadoret, gia' CEO per la Francia della Canal+ di Vivendi. “TIM ha riconosciuto al Sig. Genish l’importo forfettario di 4,2 milioni di euro, da corrispondere entro 30 giorni”. Le quotazioni sono salite a 0,4817 euro per poi stabilizzarsi in area 0,48 (close giovedi' a 0,4797). Le quotazioni hanno ritracciato con il top del "martello" del 24 giugno a 0,5066 il 50% circa del ribasso dal top di fine marzo. Senza il superamento di questa quota il rialzo in atto da inizio mese rischia di dimostrarsi solo una correzione temporanea. Oltre area 0,51 invece diverrebbe possibile il test di 0,54 e in caso di rottura di quei livelli anche di 0,5730, picco di marzo. Sotto 0,46 sarebbe invece probabile il ritorno sui minimi di maggio posti a 0,433 euro.