Piazza Affari in progresso: focus sui bancari

Piazza Affari in progresso: focus sui bancari con ipotesi integrazione CaixaBank-Bankia. FTSE MIB +0,8%.

Il FTSE MIB segna +0,8%, il FTSE Italia All-Share +0,8%, il FTSE Italia Mid Cap +0,6%, il FTSE Italia STAR +0,8%.

BTP e spread stabili. Il rendimento del decennale segna 1,03% (chiusura precedente a 1,03%), lo spread sul Bund 150 bp (da 150) (dati MTS).

Mercati azionari europei in verde: EURO STOXX 50 +0,2%, FTSE 100 +0,2%, DAX +0,1%, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 +1,6%.

Future sugli indici azionari americani incerti: S&P 500 +0,0%, NASDAQ 100 -0,3%, Dow Jones Industrial +0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -3,51%, NASDAQ Composite -4,96%, Dow Jones Industrial -2,78%.

Mercato azionario giapponese in flessione, il Nikkei 225 ha terminato a -1,11%. Borse cinesi negative: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,97%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,0% circa.

Bancari in netto progresso: l'indice FTSE Italia Banche segna +2,0%, l'EURO STOXX Banks +2,8%. El Pais riferisce di trattative in corso tra CaixaBank +11,8% e Bankia +33,3% per una fusione che porterebbe alla creazione della banca più grande di Spagna. A Milano Banco BPM +5,1%, FinecoBank +3,4%, Unicredit +2,1%.

Amplifon +3,9% a 29,00 euro. Jefferies ha migliorato la raccomandazione sul titolo da hold a buy con target quasi raddoppiato a 34 euro dal precedente a 18,10. 

Mediaset +9,2% in ulteriore forte progresso dopo il +5,18% messo a segno ieri in scia ai dati del secondo trimestre migliori delle attese di Mediaset España e alla decisione della sentenza della Corte di Giustizia Europea, che ha che bocciato il provvedimento di sterilizzazione di due terzi della partecipazione di Vivendi nel gruppo di Cologno Monzese. Mediaset nel prendere atto della sentenza, ha informato che "Se, al contrario di quanto prevede oggi la Legge italiana, si aprissero possibilità di convergenza tra i leader delle Tlc e dell’editoria televisiva, Mediaset che in tutti questi anni è stata vincolata e penalizzata dal divieto valuterà con il massimo interesse ogni nuova opportunità in materia di business Tlc già a partire dai recenti sviluppi di sistema sulla Rete unica nazionale in fibra".

In rosso Exor -1,2% che ha chiuso il primo semestre 2020 con una perdita di 1,318 miliardi di euro contro l'utile pari a 2,427 miliardi del primo semestre 2019. A fine giugno il NAV era pari a 20,955 miliardi di dollari (88,75 dollari per azione), in calo di 5,2 miliardi rispetto al dato di fine 2019 (26,155 miliardi, 110,77 dollari per azione).

DiaSorin in netta flessione ieri (-5,56% a 142,60 euro) dopo le ultime notizie sul vaccino anti-Covid. Circolano rumors secondo cui il Center for Disease Control and Prevention ha avvisato le autorità sanitarie dei 50 Stati USA di tenersi pronti a distribuire il vaccino agli operatori sanitari e alle categorie più a rischio tra fine di ottobre e inizio novembre. Intanto GlaxoSmithKline e Sanofi hanno annunciato di aver iniziato la sperimentazione clinica di fase 1 del loro candidato vaccino, con l'obiettivo di produrre fino a un miliardo di dosi nel 2021. DiaSorin è attiva nel settore dei test diagnostici: l'arrivo di un vaccino per il Covid causerebbe probabilmente un crollo della domanda per test e tamponi. L'analisi del grafico di DiaSorin mette in evidenza i segnali grafici ribassisti inviati nelle ultime sedute: alla fine della scorsa settimana la rottura della base del movimento laterale in essere da inizio giugno a 152-153 euro; ieri la violazione del minimo di venerdì scorso a 143,10, con conseguente riattivazione del movimento discendente. Il titolo è ora esposto al rischio di flessioni verso 133,90 almeno (gap rialzista lasciato il 14 aprile) con appoggio successivo sull'ex resistenza a 125, ora ultimo supporto utile a scongiurare l'inversione di tendenza e il ritorno sul minimo di marzo a 95,30. 

TITOLO DEL GIORNO: AVIO
 Avio sui massimi da inizio luglio grazie al ritorno al volo del Vega (il vettore progettato, sviluppato e costruito da Avio), dopo il rinvio di marzo a causa della pandemia COVID-19 e quello di giugno causato da condizioni meteo avverse. Vega ha messo in orbita 7 microsatelliti pesanti tra i 15 e i 150 kg, insieme a 46 CubeSat più piccoli in un singolo volo grazie all’innovativo adattatore del carico utile SSMS (Small Spacecraft Mission Service). I satelliti hanno diverse applicazioni, incluse l’osservazione della Terra, le telecomunicazioni, la scienza, la tecnologia e l’istruzione. Per Kepler Cheuvreux la notizia che il vettore europeo progettato, sviluppato e costruito da Avio ha portato in orbita correttamente 53 satelliti e' positiva, il giudizio sul titolo viene confermato "buy" con prezzo obiettivo a 17 euro. Le quotazioni si sono spinte giovedi' fino a 15,96 euro per poi riportarsi in area 15,45/50, comunque in netto rialzo dalla chiusura del 2 settembre a 14,54 euro. A 15,05 le quotazioni hanno superato la trend line ribassista disegnata dal top del 17 giugno inviando un segnale di forza. Ulteriori conferme positive verranno se i prezzi riusciranno a stabilizzarsi oltre area 15,45, 61,8% di ritracciamento (percentuale di Fibonacci) del ribasso dal picco di giugno a 16,64 euro. In quel caso atteso il ritorno proprio in area 16,64. Resistenza intermedia a 15,96 euro. Solo discese nuovamente al di sotto di area 16 euro potrebbero fare temere l'avvio di una flessione fino in area 14 almeno.
DATI ATTESI:
Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: alle 10:30 indice Markit PMI costruzioni Regno Unito.
Negli USA alle 14:30 nuovi lavoratori dipendenti non agricoli, tasso di disoccupazione e indice retribuzioni.