Borsa italiana e BTP in ulteriore rialzo

Borsa italiana e BTP in ulteriore rialzo. FTSE MIB +0,37%.

Il FTSE MIB segna +0,37%, il FTSE Italia All-Share +0,38%, il FTSE Italia Mid Cap +0,43%, il FTSE Italia STAR +0,36%.

BTP ancora sotto i riflettori dopo che il governo italiano è riuscito a evitare la procedura di infrazione per deficit eccessivo minacciata dalla Commissione Europea. Il rendimento del decennale ha toccato in avvio il minimo da ottobre 2016 all'1,58% per poi risalire all'1,66% (chiusura di ieri a 1,62%). Lo spread sul Bund è sceso a 195 bp (da 199) per poi risalire a 205 (dati MTS).

Mercati azionari europei poco mossi: Euro Stoxx 50 +0,1%, FTSE 100 invariato, DAX +0,1%, CAC 40 -0,1%, IBEX 35 -0,3%.

Future sugli indici azionari americani stabili: S&P 500 -0,1%, NASDAQ 100 invariato, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,77%, NASDAQ Composite +0,75%, Dow Jones Industrial +0,93%. Oggi Wall Street resterà chiusa per festività (Independence Day).

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 ha terminato a +0,30%. Borse cinesi deboli: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,52%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,1% circa.

I bancari estendono il rally di ieri in scia ai BTP. L'indice FTSE Italia Banche segna +2,0%. In evidenza UniCredit +3,1%, Banco BPM +2,5%, Intesa Sanpaolo +2,0%.

UBI Banca +2,7% approfitta anche di quanto riferito da MF: l'istituto guidato da Victor Massiah averebbe ricevuto ben sette offerte da altrettante compagnie assicurative per diventare partner bancassicurativo.

Continua a correre Banca MPS +5,3%. Reuters riferisce che Rocca Salimbeni ha avviato il collocamento di un'obbligazione di tipo senior preferred (ovvero della qualità migliore) a 3 anni. L'importo previsto è di almeno 300 milioni di euro, con rendimento indicato inizialmente a 4,25-4,375%.

Debole Leonardo -1,4% che potrebbe acquisire con Thales (partner in Space Alliance) MDA, operatore canadese di tecnologie satellitari e sistemi di sorveglianza. Secondo indiscrezioni MDA potrebbe valere circa un miliardo di dollari (880-890 milioni di euro).

TITOLO DEL GIORNO: FCA
 FCA sale con forza grazie ai commenti positivi di Banca IMI ed Equita (target a 14,50 euro) sui dati di vendita a giugno negli USA, +2% a/a. Entrambi i broker confermano la raccomandazione "buy" (acquistare) sul titolo. Banca IMI (target a 15,10 euro) fa notare che si tratta del miglior giugno da 14 anni e che la performance dei marchi del Lingotto e' stata migliore rispetto a quella dei principali concorrenti. E' invece di "accumulate" il giudizio di Banca Akros, che ha un target sul titolo a 15,80 euro. Le quotazioni si sono spinte mercoledi' fino a 12,706 euro nell'intraday per poi stabilizzarsi in area 12,60/61, molto piu' in alto della chiusura di martedi' a 12,302 euro. A 12,73 euro si colloca il 61,8% di ritracciamento del ribasso dal top del 27 maggio. La rottura di questa resistenza, soprattutto dopo che i prezzi la hanno testata mercoledi' venendone respinti, sarebbe un bel segnale di forza che farebbe pensare al test del lato alto della fase laterale disegnata dai prezzi dai minimi di inizio anno posto a 13,75/80 euro. Solo oltre questa soglia sarebbe tuttavia lecito parlare di una vera e propria inversione di trend in senso rialzista. Sotto area 12,48 invece rischio di cali a testare a 12,25 la trend line che sale dai minimi di inizio giugno, supporto da rispettare per mantenere probabile uno scenario di crescita (sotto 12,25 il rialzo dai minimi di giugno si dimostrerebbe un "flag", figura di continuazione del ribasso in atto dal top di fine maggio).
DATI ATTESI:
I dati macroeconomici in programma oggi: alle 11:00 vendite al dettaglio eurozona.