Analisi Varie Italia (AVI)

FinecoBank rimbalza dai minimi di seduta

FinecoBank rimbalza dai minimi di seduta ma resta comunque negativo. Le quotazioni hanno perso bruscamente terreno in avvio dopo la notizia che la Consob ha informato che BlackRock ha ridotto la partecipazione dal 6,804% al 4,528%, con un'operazione datata 12 aprile. Le quotazioni hanno toccato un minimo a 11,66 euro per poi rimbalzare in area 12,20 (close mercoledi' a 12,385 euro). Il calo ha riportato i prezzi in prossimita' dei minimi dell'11 aprile, a 11,61 euro, supporto che per il momento ha contenuto egregiamente la fase di debolezza.

Prysmian estende il rally partito ieri

Prysmian +1,4% estende il rally partito ieri nel finale di seduta dopo il riesame e l'approvazione del bilancio 2018, come annunciato la scorsa settimana in scia ai problemi a Western Link alle recenti richieste di risarcimento danni. I Ricavi di Gruppo sono stati ridotti di € 53 milioni (la crescita organica si attesta a 2,8% rispetto ai 3,3% comunicato il 5 marzo), L'EBITDA Rettificato si è ridotto per € 70 milioni (era stata annunciata una stima di € 60-80 milioni), L'Utile Netto, si è ridotto per € 72 milioni, attestandosi a € 58 milioni.

Atlantia sale grazie a dati traffico nel trim1

Atlantia +1,1% guadagna terreno in scia i dati sull'andamento del traffico registrato dalle principali società del gruppo nel primo trimestre 2019: in Italia +2,0%, in Spagna +5,1%, in Francia +1,6%, in Cile +3,0% e in Brasile +2,3%. Nel medesimo periodo, gli aeroporti in concessione al gruppo continuano a registrare una significativa crescita dei passeggeri: Aeroporti di Roma segna una crescita del 3,5% e Aéroports de la Côte d'Azur del 4,0%.

SF - www.ftaonline.com

Piazza Affari sottotono con Juventus, bancari e TIM. Bene Buzzi e Mediaset. FTSE MIB -0,13%

Piazza Affari sottotono con Juventus, bancari e TIM. Bene Buzzi e Mediaset. FTSE MIB -0,13%.


Il FTSE MIB segna -0,13%, il FTSE Italia All-Share -0,11%, il FTSE Italia Mid Cap -0,01%, il FTSE Italia STAR -0,18%.

BTP positivi.
Il decennale rende il 2,59% (-4 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 254 bp (invariato) (dati MTS).

Mercati azionari europei in progresso: Euro Stoxx 50 +0,5%, FTSE 100 invariato, DAX +0,3%, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 -0,1%.

TIM in rosso su ipotesi incorporazione Open Fiber

Telecom Italia -1,4% perde terreno. Il Sole 24 Ore scrive che l'integrazione della rete con quella di Open Fiber potrebbe avvenire tramite un'incorporazione del gruppo controllato da Cdp ed Enel in TIM e non con lo scorporo dell'infrastruttura per poi unirla con Open Fiber. Nel primo caso Cdp incrementerebbe la propria quota in TIM (attualmente al 5,03%) in cambio del conferimento della propria partecipazione in Open Fiber.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

Saipem: Jefferies conferma giudizio underperform

Saipem +0,6% a 4,72 euro. Jefferies conferma il giudizio underperform e il target a 4,40 euro. Prima dell'apertura il gruppo dei servizi per il settore oil&gas ha comunicato i risultati del primo trimestre 2019. I ricavi sono in crescita del 12,6% a/a a 2,156 miliardi di euro (meglio del consensus Bloomberg fissato a 2,07 miliardi), l'EBITDA adjusted sale del 28% a 274 milioni (consensus 235,3), il risultato netto adjusted si attesta a 29 milioni (consensus 29,6) da 11 milioni nel trim1 2018.

Saipem: Equita conferma la raccomandazione buy

Saipem +0,8% a 4,73 euro. Equita conferma la raccomandazione buy e il target a 5,30 euro. Il titolo, partito in forte rialzo grazie ai buoni dati del primo trimestre 2019, ha poi invertito la rotta: durante la presentazione dei risultati l'a.d. Stefano Cao ha dichiarato che il gruppo non prevede la vendita delle divisioni drilling, ma sta valutando altre opzioni come aggregazioni con altri operatori del settore o l'ingresso di soci. La quotazione del drilling è improbabile ora ma potrebbe essere presa in considerazione dopo un'aggregazione, ha aggiunto il manager.

SF - www.ftaonline.com

Poste Italiane poco sotto il record storico

Poste Italiane, -0,7% a 9,45 euro, riduce le perdite dopo il fisiologico storno a seguito del rally delle ultime sedute, rally culminato con il nuovo record storico a 9,5280 euro fatto segnare nelle primissime battute della seduta odierna (ieri aveva raggiunto i 9,5260). Il titolo negli ultimi giorni ha beneficiato dei report di alcuni tra i broker più importanti: ieri Mediobanca ha confermato il giudizio outperform e incrementato da 8,50 a 11,30 euro il target. Lunedì Deutsche Bank aveva avviato la copertura sul titolo con raccomandazione buy e target price a 10 euro.

Vivendi condanna la decisione di Mediaset di negarle il diritto di voto in Assemblea dei Soci

Vivendi condanna la decisione odierna del Consiglio di Amministrazione di Mediaset di negarle il diritto di voto in Assemblea dei Soci.

Né l'accordo dell'8 aprile 2016 oggetto della controversia, né la decisione dell'AGCom di aprile 2017 o nessuna ulteriore legge applicabile può impedire a Vivendi di votare.

La decisione del Consiglio di Amministrazione di Mediaset è contraria a tutti i principi fondamentali della democrazia degli azionisti. E' illegale e contro gli interessi di Mediaset e, in particolare, dei suoi azionisti di minoranza.

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Varie Italia (AVI)