Mercato Italiano

Mediaset in forte calo martedì

Mediaset in forte calo martedì dopo il report di Morgan Stanley sulla controllata Mediaset Espana (anche essa in deciso ribasso). Gli analisti della banca americana hanno confermato la raccomandazione underweight e ridotto il target da 6,30 a 5,30 euro, in scia a un taglio del 7% delle stime di utile per azione negli esercizi 2018 e 2019. Ricordiamo anche le indiscrezioni di stampa riguardanti la possibile fusione con la francese TF1 e le dichiarazioni al Corriere della Sera del numero uno del fondo F2i, Renato Ravanelli.

Piazza Affari in flessione: Atlantia sotto pressione dopo crollo viadotto Genova. FTSE MIB -0,30%

Piazza Affari in flessione: Atlantia sotto pressione dopo crollo viadotto Genova. FTSE MIB -0,30%.


Mercati azionari europei deboli. Wall Street positiva: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,6%, Nasdaq Composite +0,6%, Dow Jones Industrial +0,5%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,30%, il FTSE Italia All-Share a -0,29%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,18%, il FTSE Italia STAR a +0,08%.

Unipol: Banca IMI conferma buy

Unipol (+3,8% a 3,5550 euro): Banca IMI conferma la raccomandazione buy e il target 5,10 euro. In precedenza anche Equita aveva confermato la raccomandazione buy sul titolo, pur con target ridotto da 5,60 a 5,40 euro. Il gruppo finanziario bolognese nel primo semestre ha riportato un utile netto di 644 milioni di euro da una perdita di 390 milioni di euro nel primo semestre 2017, anche grazie alla plusvalenza derivante dalla cessione della partecipazione in Popolare Vita (pari a 309 milioni di euro). L'a.d.

UniCredit: Berenberg conferma buy ma riduce target

UniCredit (-1,7% a 13,19 euro): Berenberg conferma la raccomandazione buy ma riduce il target da 19 a 18 euro. Il titolo ha ceduto oltre il 7% nelle due sedute precedenti dopo le indiscrezioni del Financial Times secondo cui la BCE sta monitorando attentamente la situazione di alcune grandi banche esposte sulla Turchia, dopo il crollo della lira turca. Tra queste BBVA (-1,3%), BNP Paribas (-0,6%) e UniCredit, presente in Turchia con Yapi Kredi (quarta banca del Paese).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

SIAS e ASTM seguono Atlantia

Netta flessione per SIAS (-4,1%) e ASTM (-4,8%) che si accodano al ribasso di Atlantia (-5,1%) dopo il crollo del viadotto Polcevera sull'A10 a Genova, tratto gestito dalla controllata Autostrade per l'Italia. Possibile che gli operatori stiano ipotizzando una stretta da parte dello Stato sugli obblighi di manutenzione/sicurezza a carico dei titolari delle concessioni autostradali.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

Piazza Affari in rosso: Atlantia in forte calo dopo crollo viadotto Polcevera. FTSE MIB -0,16%

Piazza Affari in rosso: Atlantia in forte calo dopo crollo viadotto Polcevera. FTSE MIB -0,16%.


Il FTSE MIB segna -0,16%, il FTSE Italia All-Share -0,16%, il FTSE Italia Mid Cap -0,14%, il FTSE Italia STAR +0,17%.

Mercati azionari europei sulla parità:
Euro Stoxx 50 invariato, FTSE 100 -0,2%, DAX invariato, CAC 40 invariato, IBEX 35 -0,2%.

Atlantia: titolo molto volatile - Analisi Tecnica

Pesante ribasso per Atlantia (-5,43%) dopo il crollo di un tratto del ponte Morandi, sull'autostrada A10 a Genova, gestito da Autostrade per l'Italia. Con i minimi di oggi, a 22,16 euro, il titolo ha toccato il livello più basso da aprile 2017 e potrebbe dispiegare gli effetti del doppio massimo disegnato tra novembre e maggio da 28,60 circa, per target negativi sui minimi di fine 2016 a 19,30 circa. Solo il perentorio ritorno sopra i minimi di giugno a 23,58 potrebbe scongiurare questo scenario.

CC - www.ftaonline.com

Pages

Subscribe to RSS - Mercato Italiano