Commenti Borse Internazionali

Borsa Usa: indici negativi

La Borsa di New York ha aperto la seduta dopo il lungo week end in ribasso a causa delle tensioni commerciali. Il Dow Jones cede lo 0,5%, l'S&P 500 lo 0,5% e il Nasdaq Composite lo 0,7%.
A scatenare le vendite è stata la notizia di possibili nuovi dazi sulle importazioni cinesi da parte dell'amministrazione Trump e lo stallo delle trattative Usa-Canada.

Piazze cinesi in netto rialzo. L'Hang Seng guadagna lo 0,94%

In una seduta contrastata per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha limitato il suo declino allo 0,05%), le piazze cinesi registrano un'estrema volatilità. Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 hanno infatti alternato perdite a guadagni per segnare alla fine progressi dell'1,10% e dell'1,27% contro il rialzo dell'1,16% registrato dallo Shenzhen Composite.

Borse europee sopra la parità

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in rialzo dopo le rassicurazioni sul deficit/Pil italiano. L'indice Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,3%, il Dax30 di Francoforte lo 0,4%, il Cac40 di Parigi lo 0,1% e il Ftse100 di Londra lo 0,3%.
Acquisti in particolare sul comparto finanziario.
Tra i titoli in evidenza Scor +10%. Il riassicuratore francese ha respinto una proposta di acquisto presentata dall'azionista di maggioranza Covéa.
Wpp -4%. Il gruppo pubblicitario ha chiuso il primo semestre con ricavi in calo del 2,1% a 7,49 miliardi di sterline.

Asia contrastata. A Tokyo il Nikkei 225 perde solo lo 0,05%

Seduta contrastata per l'Asia, con i timori per la guerra commerciale lanciata da Donald Trump contro Pechino (il presidente Usa potrebbe annunciare l'entrata in vigore di nuove tariffe sulle merci cinesi giovedì) che continuano a condizionare i listini, mentre la debolezza dei mercati emergenti è legata soprattutto alle crisi di Argentina e Turchia. La tendenza è complessivamente negativa, come confermato dalla perdita intorno allo 0,30% dell'indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso.

Shanghai in parziale recupero. Hang Seng in calo dello 0,63%

In una seduta di netto ribasso per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha perso lo 0,69%), Shanghai e Shenzhen si sono allineate alla tendenza generale, segnando però un parziale recupero in chiusura. Alla fine Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 hanno infatti perso lo 0,17% e lo 0,38% rispettivamente, contro una flessione dello 0,17% anche per lo Shenzhen Composite.

Borse europee poco mosse, crolla Ontex

Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana senza grandi variazioni. Il Dax30 di Francoforte cede lo 0,1%, il Cac40 di Parigi lo 0,1%. Piatto l'indice Stoxx Europe 600 mentre il Ftse100 di Londra guadagna lo 0,3%.
Oggi Wall Street resterà chiusa per il Labor Day.
Tra i titoli in evidenza LVMH -1%. Société Générale ha tagliato il rating sul titolo del gruppo del lusso a hold da buy.

Netto calo per l'Asia. A Tokyo il Nikkei 225 perde lo 0,69%

Dopo una chiusura d'ottava, e di agosto, contrastata per Wall Street (dei tre principali indici Usa venerdì solo il Dow Jones Industrial Average aveva comunque segnato un declino e di appena lo 0,09%), settembre inizia in netto calo per i mercati dell'Asia, ancora a causa dei timori per la guerra commerciale lanciata da Donald Trump. Venerdì, per altro, Usa e Canada non hanno raggiunto un accordo sulla revisione del North American Free Trade Agreement (Nafta), su cui invece Washington aveva già trovato un'intesa con il Messico.

Pages

Subscribe to RSS - Commenti Borse Internazionali