Commenti Borse Internazionali

Piazze cinesi in netto declino. Hang Seng in calo del 3,08%

In una seduta di generalizzato netto arretramento per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha perso il 2,67%), le piazze cinesi, reduci da due sessioni consecutive in rally, si allineano alla tendenza. Al termine degli scambi Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 perdono infatti il 2,26% e il 2,66% rispettivamente, contro il declino dell'1,92% dello Shenzhen Composite.

Netta contrazione per l'Asia. Nikkei 225 in calo del 2,67%

Dopo un avvio d'ottava contrastato (dei tre principali indici Usa solo il Nasdaq aveva segnato un progresso lunedì, apprezzandosi dello 0,26%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza è stata invece di generalizzato declino, come confermato dalla perdita intorno all'1,30% dell'indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso. Correzione che arriva dopo due sessioni di rally per Shanghai e Shenzhen e che è condizionata dalle tensioni diplomatiche tra Arabia Saudita e Occidente e, in Europa, dai timori relativi alla Brexit e alla manovra di bilancio italiana.

Wall Street chiude in ordine sparso, giù Dow Jones e S&P 500. Sopra la parità il Nasdaq

La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in ordine sparso. Il Dow Jones ha perso lo 0,50%, l'S&P 500 lo 0,43% mentre il Nasdaq Composite, sostenuto dal comparto tecnologico, ha guadagnato lo 0,26%.
Tra i titoli in evidenza Hasbro -3,09%. Il produttore di giocattoli ha annunciato una trimestrale inferiore alle attese. Nel terzo trimestre l'utile per azione adjusted si è attestato a 1,93 dollari su ricavi per 1,57 miliardi. Gli analisti avevano previsto un Eps a 2,23 dollari su ricavi per 1,71 miliardi.

Shanghai e Shenzhen in rally. L'Hang Seng guadagna il 2,32%

In una seduta partita in declino ma alla fine complessivamente positiva per l'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,37%), sono proprio le piazze cinesi a guidare il recupero. Al termine degli scambi Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 hanno infatti segnato rally del 4,09% e del 4,32% rispettivamente, contro il balzo del 4,90% dello Shenzhen Composite.

Borse europee positive

Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana in rialzo dopo la decisione di Moody's sul rating dell'Italia. L'indice Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,4%, il Dax30 di Francoforte l'1%, il Cac40 di Parigi lo 0,9% e il Ftse100 di Londra lo 0,3%. I mercati festeggiano il mancato declassamento a livello "junk" (spazzatura) del rating dell'Italia da parte di Moody's (che ha ridotto il giudizio a "Baa3", un gradino sopra il livello "Investment Grade" con outlook stabile).
Sugli scudi il comparto bancario.

Shanghai e Shenzhen in rally. Il Nikkei 225 guadagna lo 0,37%

Dopo una chiusura d'ottava contrastata per Wall Street (dei tre principali indici Usa solo il Dow Jones Industrial Average aveva segnato un progresso venerdì, apprezzandosi dello 0,26%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza è rimasta negativa ma successivamente i mercati hanno virato in deciso rialzo, come confermato dal guadagno intorno all'1% dell'indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso.

Borsa Usa: P&G, AmEx e PayPal volano grazie alle trimestrali

La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta della settimana in ordine sparso. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,26% mentre l'S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno lasciato sul terreno rispettivamente lo 0,04% e lo 0,48%. Le buone indicazioni arrivate dalle trimestrali societarie hanno solo in parte compensato le tensioni geopolitiche e le aspettative di crescita dei tassi di interesse.

Pages

Subscribe to RSS - Commenti Borse Internazionali