Commenti Borse Internazionali

Borsa Usa: indici sopra la parità

La Borsa di New York ha aperto la seduta in rialzo grazie al recupero della lira turca ed al progresso del petrolio. Il Dow Jones guadagna lo 0,3%, l'S&P 500 lo 0,4% e il Nasdaq Composite lo 0,25%.
Tra i titoli in evidenza Tapestry +9%. La casa madre di Coach e Kate Spade ha chiuso il quarto trimestre fiscale con un utile per azione adjusted di 0,60 dollari su ricavi per 1,48 miliardi. Gli analisti avevano previsto un Eps a 0,57 dollari su ricavi per 1,47 miliardi. Per l'esercizio fiscale la società prevede un giro d'affari compreso tra 6,1 e 6,2 miliardi di dollari.

Le Borse europee rimbalzano

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in rialzo dopo una serie negativa causata dal crollo della lira turca. L'indice Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,3%, il Dax30 di Francoforte lo 0,7%, il Cac40 di Parigi lo 0,5% e il Ftse100 di Londra lo 0,2%. Attesi oggi diversi dati macro rilevanti (Pil zona euro secondo trimestre, indice Zew tedesco di agosto e produzione industriale zona euro di agosto.
Recuperano tutti i principali indici settoriali (segno meno solo per il comparto immobiliare).

Mercati asiatici misti. Nikkei +2,28%

Chiusura mista per i mercati azionari asiatici, alcuni dei quali hanno tentato di recuperare terreno, dopo l'affondo di inizio ottava a causa della crisi turca. Le tensioni geopolitiche internazionali continuano tuttavia a scandire l'andamento dei mercati cinesi, rimasti ben al di sotto del riferimento dopo la pubblicazione di dati macroeconomici più deboli del previsto. La lira turca si è per il momento stabilizzata a 6.9250 dollari dopo l'intervento della banca centrale turca che intende fornire liquidità e ridurre gli obblighi di riserva per le banche.

Borsa Usa: indici ancora giù

La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in ribasso a causa della caduta della lira turca e del possibile rischio contagio di altre valute di paesi emergenti. Il Dow Jones ha perso lo 0,50%, l'S&P 500 lo 0,40% e il Nasdaq Composite lo 0,25%. Per Dow Jones e S&P 500 si tratta della quarta seduta negativa consecutiva. L'indice della volatilità ha registrato un balzo del 12,2% a 14,76 punti, livello più alto dell'ultimo mese. Male il comparto finanziario. Resistono alle vendite utility e healthcare.

Borsa Usa: indici sopra la parità

La Borsa di New York ha aperto la prima seduta della settimana in rialzo grazie al buon andamento del comparto tecnologico che compensa le tensioni legate alla crisi in Turchia. Il Dow Jones guadagna lo 0,1%, l'S&P 500 lo 0,15% e il Nasdaq Composite lo 0,25%.
Azioni del comparto high tech sugli scudi: Amazon (+1,2%), Cisco Systems (+1%) e Apple (+0,6%)

Borse europee negative, crolla Bayer

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in ribasso a causa della crisi in Turchia. L'indice Stoxx Europe 600 cede lo 0,2%, il Dax30 di Francoforte lo 0,6%, il Cac40 di Parigi lo 0,2% e il Ftse100 di Londra lo 0,2%.
Sopra la parità il comparto petrolifero e il settore alimentare mentre soffrono in particolare le banche.
Tra i titoli in evidenza United Internet +4%. L' Internet service provider tedesco ha annunciato risultati del primo semestre in crescita ed ha confermato la guidance 2018.

La crisi turca contagia i mercati asiatici. Nikkei -1,98%

Avvio di ottava negativo per i mercati asiatici, sotto pressione a causa del nuovo atto messo in scena da Trump nella guerra commerciale e che la scorsa settimana ha colpito anche la Turchia (Trump ha infatti raddoppiato i dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio da Ankara), facendo precipitare la lira turca ai nuovi minimi storici.

Wall Street chiude in calo, pesano tensioni in Turchia

La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta della settimana in calo a causa della difficile situazione economica in Turchia. Il Dow Jones ha perso lo 0,77%, l'S&P 500 lo 0,71%, il Nasdaq Composite lo 0,67%. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha autorizzato una nuova misura contro la Turchia, raddoppiando le tariffe doganali su acciaio e alluminio, portandole rispettivamente al 50% e al 25%.
Male in particolare bancari e tecnologici.

Wall Street in rosso. Trump raddoppia dazi a Turchia

Borsa di New York in calo a circa un'ora dall'apertura: S&P 500 -0,14%, NASDAQ Composite +0,04%, Dow Jones Industrial -0,29%. In rosso tutti i mercati mondiali, trainati al ribasso dalle tensioni generate dall'allarme lanciato dalla BCE sulla difficile situazione economica della Turchia.Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha autorizzato una nuova misura contro la Turchia, raddoppiando le tariffe doganali su acciaio e alluminio, portandole rispettivamente al 50% e al 25%. "Ora le nostre relazioni non sono buone", ha tuonato Trump in un tweet.

Pages

Subscribe to RSS - Commenti Borse Internazionali