Mercati asiatici

Thailandia: deficit commerciale sui massimi dall'aprile 2013

Secondo quanto comunicato dal ministero del Commercio di Bangkok, in gennaio l'export dalla Thailandia ha segnato una contrazione del 5,65% annuo, in peggioramento rispetto al declino dell'1,72% di dicembre (0,95% il calo di novembre) e contro la flessione dell'1,00% del consensus di Reuters. Lo scorso mese le importazioni in Thailandia sono invece rimbalzate del 13,99% annuo dopo il precedente crollo dell'8,15% annuo (14,66% la crescita di novembre) e contro il calo dell'1,00% atteso dagli economisti.

Il Nikkei 225 consolida il rally

Mercato azionario giapponese in lieve calo, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a 21425,51 punti, -0,18% rispetto alla chiusura precedente (21464,23). La settimana va in archivio con una performance pari a +2,51%. Movimenti limitati per l'indice nipponico che appare ben impostato per estendere il rally partito a fine 2018 verso il massimo del 13 dicembre a 21870.

Piazze cinesi in recupero. Calo dello 0,18% per il Nikkei 225

Dopo una seduta negativa per Wall Street (peggiore dei tre principali indici Usa il Dow Jones Industrial Average, deprezzatosi giovedì dello 0,40%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza ribassista è proseguita, su timori per un rallentamento dell'economia globale. Rallentamento confermato da alcuni dati macroeconomici Usa ma anche da quello relativo ai prezzi delle case in Cina. Riflettori puntati sui negoziati commerciali in corso a Washington che vedranno in giornata il vicepremier cinese Liu He incontrare Donald Trump alla Casa Bianca.

Hong Kong: disoccupazione stabile al 2,8% su minimi dal 1998

Secondo quanto comunicato giovedì dal Census and Statistics Department di Hong Kong, nei tre mesi allo scorso 31 gennaio il tasso di disoccupazione nell'ex colonia britannica è rimasto stabile sul 2,8% già registrato nei periodi da aprile a dicembre del 2018 (2,9% nei primi tre mesi dello scorso anno), restando sui minimi dal gennaio 1998.

RR - www.ftaonline.com

Corea del Sud: a gennaio prezzi produzione calati dello 0,2%

Secondo quanto reso noto su base preliminare da Bank of Korea, in gennaio i prezzi alla produzione sono calati in Corea del Sud dello 0,2% sequenziale, contro il precedente declino dello 0,6% (e quello dello 0,7% in novembre, che era stato il più netto da quello sempre dello 0,7% registrato nell'ottobre 2015). Si tratta della quarta contrazione consecutiva. Su base annua i prezzi alla produzione sono invece saliti dello 0,2% contro la precedente crescita dell'1,0% (1,5% in novembre), nel ventisettesimo mese consecutivo d'espansione. La lettura è comunque la pià debole dal novembre 2016.

Cina: in gennaio prezzi delle case in rialzo del 10,0% annuo

Quarantesimo rialzo consecutivo per i prezzi delle case nelle maggiori città della Cina, dopo una striscia negativa che era durata 14 mesi. Secondo quanto comunicato dall'Ufficio nazionale di statistica di Pechino, infatti, nei 12 mesi al 31 gennaio l'incremento dei prezzi è stato del 10,0% annuo, in ulteriore accelerazione rispetto al 9,7% precedente (9,3% in novembre). Secondo i calcoli di Reuters, su base mensile il progresso è però stato dello 0,6% contro lo 0,8% di dicembre (0,9% in novembre).

Giappone: in gennaio inflazione core salita allo 0,8% annuo

Secondo quanto comunicato dal ministero nipponico di Affari Interni e Comunicazione, l'indice dei prezzi al consumo del Sol Levante è cresciuto in gennaio dello 0,2% annuo, in ulteriore rallentamento rispetto allo 0,3% di dicembre (0,8% in novembre) ma in linea con le attese degli analisti. L'inflazione core è invece salita allo 0,8% annuo dallo 0,7% di dicembre (0,9% in novembre), anche in questo caso in linea con il consensus. Su base mensile l'indice dei prezzi complessivo ha segnato un rialzo dello 0,3% dopo il declino dello 0,2% di ottobre e novembre.

UBP: Cina, in arrivo stimoli pari al 5% del PIL

Norman Villamin, CIO Private Banking e Head of Asset Allocation di Union Bancaire Privée (UBP), ha svolto le seguenti considerazioni sulle prospettive dell'economia cinese.

"La crescita della Cina ha visto un rallentamento al 6,4% nel quarto trimestre del 2018, mentre gli indicatori di gennaio continuano a suggerire una crescita modesta. Noi per il 2019 prevediamo una crescita del 6%.

Lenovo in rally. Primo utile nella telefonia mobile dal 2014

Lenovo Group è andata in rally di oltre il 12% in intraday a Hong Kong (sui massimi degli ultimi due anni), dopo che il colosso cinese ha annunciato il primo utile per la divisione di telefonia mobile da quando nel 2014 aveva acquisto Motorola da Google. Lenovo ha comunicato per il terzo trimestre del suo esercizio profitti netti per 233 milioni di dollari, contro il rosso di 289 milioni del pari periodo del precedente anno fiscale e i 200 milioni del consensus di Bloomberg.

Pages

Subscribe to RSS - Mercati asiatici