Sotto la lente dell'analisi tecnica

11/01/2019 08:17:18

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Tod's

Tod's (-4,32%) ha interrotto la reazione partita da 36,9 euro (valore più basso da agosto 2009) a contatto con i primi ostacoli a 44,6 euro. Per intravedere segnali di miglioramento il titolo dovrà salire oltre area 45, preludio a un riavvicinamento a 47,40, base del primo gap ribassista di inizio novembre. Sotto 36,9 via libera invece verso area 30, poi fino ai bottom del 2009 a 23 euro circa.
-Target: 45 euro
-Negazione: 37,10 euro
-RSI (14): neutrale

Autogrill

Autogrill (+1,80%) dovrà lasciarsi alle spalle gli ostacoli a 7,80 per prolungare la reazione partita dai supporti in area 7 in direzione di 8 euro circa. Conferme sopra questo riferimento permetterebbero un test dal basso della media mobile a 100 giorni passante da 8,40 circa. Target successivo a 8,90 circa, quota pari al 38,2% di ritracciamento del ribasso partito a dicembre 2017 e massimi praticamente allineati di ottobre e novembre. Sotto area 7 rischio di cali verso 6,80 circa.
-Target: 8 euro
-Negazione: 7 euro
-RSI (14): neutrale

Biesse

Biesse (+0,2%) ha superato la media mobile a 20 sedute, a 18,80 circa, ma dovrà lasciarsi alle spalle anche il top di inizio dicembre a 21,40 per dimostrare una concreta volontà di ripresa dopo la prolungata fase di ribasso. Indicazioni positive giungerebbero poi oltre area 23, per target compresi tra 26,50 e area 27. Sotto 16,70 atteso un affondo in area 14,50.
-Target: 21,40 euro
-Negazione: 16,70 euro
-RSI (14): neutrale

Geox

Slancio al rialzo per Geox (+4,59%) che dovrà salire stabilmente sopra i massimi di fine novembre a 1,34 euro per dimostrare di possedere le energie necessarie per mettere a segno una reazione degna di nota. Primo target in tal caso a 1,716 euro, top di inizio novembre, poi a 1,92. Diversamente il quadro grafico resterà pericolosamente orientato al ribasso e potrebbe anticipare un nuovo test dei bottom di dicembre a 1,05.
-Target: 1,716 euro
-Negazione: 1,05 euro
-RSI (14): neutrale

CC - www.ftaonline.com