d'Amico: rosso terzo trimestre sale a 21 mln di dollari

08/11/2018 12:33:40

Il Consiglio di amministrazione di d'Amico International Shipping S.A. (Borsa Italiana: DIS) ('la Società' o 'il Gruppo'), società leader a livello internazionale nel trasporto marittimo, specializzata nel mercato delle navi cisterna, ha esaminato e approvato in data odierna il resoconto intermedio di gestione per il periodo chiuso al 30 settembre 2018 / terzo trimestre 2018.

RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI 2018
- Ricavi base time charter (TCE) di US$ 180,7 milioni (US$ 194,2 milioni nei 9M'17)
- Risultato operativo lordo/EBITDA di US$ 7,8 milioni (4.34% sul TCE) (US$ 33,7 milioni nei 9M'17)
- Risultato netto di US$ (41,2) milioni nei primi 9M'18 (US$ (13,6) milioni nei 9M'17)
- Flussi di cassa da attività operative di US$ 0,4 milioni (US$ (3,5) milioni nei 9M'17)
- Debito netto - US$ 588,0 milioni al 30 settembre 2018 (US$ 510,3 milioni alla fine di dicembre 2017)

RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2018
- Ricavi base time charter (TCE) di US$ 55,1 milioni (US$ 65,5 milioni nel Q3'17)
- Risultato operativo lordo/EBITDA di US$ (2,2) milioni (US$ 9,0 milioni nel Q3'17)
- Risultato netto di US$ (21,0) milioni (US$ (7,4) milioni nel Q3'17)


COMMENTO DEL MANAGEMENT

Marco Fiori, Amministratore Delegato di d'Amico International Shipping S.A. commenta: 'Il terzo trimestre dell'anno si è caratterizzato per un mercato delle navi cisterna particolarmente debole, che ha portato la Società a un risultato netto pari a US$ (20,9) milioni, nel corso del periodo. Questa congiuntura è dovuta principalmente a una prolungata fase di manutenzione delle raffinerie unita ad un'eccessiva offerta di tonnellaggio creatasi tra la primavera e l'estate. Noi operiamo in un mercato molto ciclico e credo che al momento ci troviamo nel punto piu' basso di questo ciclo. Purtroppo è sempre estremamente difficile indicare il momento esatto della ripresa ma credo davvero che sia solo questione di attendere alcuni mesi per poter vedere nuovamente il nostro mercato generare buoni ritorni. Stiamo già osservando i primi segnali di miglioramento con l'inizio dell'ultimo trimestre dell'anno. Come ho già detto molte volte, tutti i fondamentali di mercato rimangono estremamente positivi, mostrando una domanda mondiale di prodotti raffinati in crescita e un limitato aumento netto dell'offerta attesa per i prossimi anni. Inoltre, gli importanti cambiamenti nelle regolamentazioni internazionali, che entreranno in vigore a partire da gennaio 2020, volte a limitare il contenuto di zolfo nei carburanti delle navi, si stima porteranno un incremento nella domanda delle nostre navi, già a partire dal secondo semestre 2019. Siamo tra le principali Società a livello mondiale nel settore delle navi cisterna, grazie alle nostre forti relazioni con le maggiori compagnie petrolifere e i principali operatori di mercato, ai nostri altissimi standard qualitativi sia a bordo che a terra, e alle nostre consolidate relazioni con banche e istituti finanziari. Siamo inoltre orgogliosi di essere parte del Gruppo d'Amico Società di Navigazione, che grazie alla sua forza finanziaria ha continuato a sostenere DIS durante questo mercato avverso, attraverso aumenti di capitale, esercizio anticipato di warrant e prestiti diretti. Il nostro piano di investimento che comprendeva 22 nuove costruzioni sta ormai giungendo alla fine, con la consegna delle due ultime LR1, attese all'inizio del 2019. Confermo che tutte queste navi sono state ordinate a prezzi storicamente molto bassi, fattore questo estremamente importante in un business a forte intensità di capitale come il nostro. Ritengo che DIS possa guardare con fiducia al futuro in quanto è favorevolmente posizionata per poter benficiare del prossimo dell'attesa ripresa del mercato, grazie alla sua moderna flotta e all'ottima qualità della sua struttura organizzativa, che ho avuto l'onore di guidare per 11 anni, degli oltre 20 passati in totale nel Gruppo d'Amico. Come già annunciato, sto lasciando il mio ruolo come Amministratore Delegato di DIS alla fine dell'anno e sono onorato di potervi annunciare che il nostro Presidente, Paolo d'Amico, prenderà il mio posto. Paolo è uno dei maggiori esponenti del mercato delle navi cisterna e credo davvero che non possa esserci persona piu' adatta di lui a guidare la Società in questa difficile congiuntura di mercato. Auguro a Paolo, a tutto il Management e a voi Azionisti, un grande successo e un futuro radioso.'

Carlo Balestra di Mottola, CFO della DIS commenta: 'Nonostante le previsioni positive della maggior parte degli analisti di settore e di noi stessi all'inizio dell'anno, Il mercato per le navi cisterna nel 2018 è stato uno dei peggiori dell'ultimo decennio. Come nostro solito, tuttavia, ci siamo impegnati per il continuo rafforzamento del nostro bilancio, con operazioni volte a generare liquidità, onde confrontarci con questa difficile congiuntura di mercato. Nel primo trimestre dell'anno, DIS ha venduto e ripreso a bareboat una nave e venduto e ripreso a time charter un'altra nave, generando proventi netti per US$ 20,3 milioni. Nel corso del terzo trimestre del 2018, DIS ha finalizzato la vendita di una delle sue navi Handy size e la vendita di un'altra nave MR ripresa a bareboat, generando altri US$ 14,3 milioni. Inoltre, ad ottobre 2018, DIS ha venduto e ripreso a bareboat un'ulteriore nave MR, che porterà altra cassa per US$ 13,3 milioni nell'ultimo trimestre dell'anno. Al contempo, siamo alla fine del nostro piano di investimenti in nuove costruzione, con la consegna di due LR1 attese nel primo trimestre 2019 per CAPEX residiui pari a US$ 59,0 milioni (di cui circa US$ 35,8 milioni dovrebbero essere finanziati con debito bancario). DIS continua a beneficiare del forte e costante sostegno del proprio azionista di controllo, d'Amico International S.A., dal quale ha ricevuto finanziamenti pari a US$ 38,7 milioni al 30 settembre 2018, dei quali US$ 25,0 milioni a lungo termine, di cui a loro volta US$ 15,0 milioni subordinati ai diritti ed interessi di ogni creditore privilegiato. Al 30 settembre, 2018 DIS ha 'disponibilità liquide e mezzi equivalenti' pari a US$ 30,4 milioni e una posizione finanziaria netta pari a US$ (588,0) milioni, che rappresentano il 73,3% del valore di mercato della flotta. '

RV - www.ftaonline.com