Borsa Usa: indici deboli

08/11/2018 16:16:26

La Borsa di New York ha aperto la seduta in leggero calo all'indomani del rally innescato dalle elezioni di metà mandato ed in attesa delle decisioni e delle dichiarazioni della Fed (in agenda questa sera). L'S&P 500 cede lo 0,1%, il Nasdaq Composite lo 0,2%. Sostanzialmente piatto il Dow Jones.
Tra i titoli in evidenza Tesla +2,5%. Il produttore di auto elettriche ha nominato Robyn Denholm nuovo presidente con effetto immediato.
TripAdvisor +18%. La società del Massachusetts ha comunicato risultati relativi al terzo trimestre segnati da profitti netti quasi triplicati da 25 milioni di dollari, pari a 18 centesimi per azione, a 69 milioni, e 49 centesimi. Su base rettificata l'eps si è attestato a 72 centesimi, contro i 48 centesimi del consensus di FactSet. I ricavi sono aumentati nei tre mesi da 439 a 458 milioni di dollari, in questo caso sotto ai 469 milioni attesi dagli analisti.
Qualcomm -6%. Il gruppo dei semiconduttori ha presentato risultati relativi al quarto trimestre segnati da una perdita netta di 493 milioni di dollari, pari a 35 centesimi per azione, contro l'utile di 168 milioni, e 11 centesimi, di un anno prima. Su base rettificata l'eps si è attestato a 90 centesimi, contro gli 83 centesimi del consensus di FactSet. Nei tre mesi i ricavi sono calati da 5,91 a 5,80 miliardi di dollari, contro i 5,53 miliardi attesi dagli analisti. La società californiana ha però deluso sull'outlook in termini di ricavi, attesi nel primo trimestre del nuovo esercizio a 4,5-5,3 miliardi di dollari, contro i 5,57 miliardi del consensus di Refinitiv citato da Reuters.
L Brands +7%. La casa madre di Victoria's Secret prevede di chiudere il terzo trimestre con un utile per azione adjusted ampiamente superiore alle attese.

Crocs +10%. Il produttore di zoccoli in plastica ha annunciato una trimestrale superiore alle attese ed ha migliorato l'outlook per l'intero esercizio.
Sul fronte macroeconomico le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 2 novembre si sono attestate a 214 mila unità, pari alle attese fissate ma lievemente inferiori ai 215 mila unità della settimana precedente (riviste da 214 mila). Il numero totale di persone che richiede l'indennità di disoccupazione si attesta a 1,623 milioni, inferiore a 1,631 milioni della rilevazione precedente (attese 1,635 milioni).

RV - www.ftaonline.com