Borsa italiana tonica con prospettive tassi USA. FTSE MIB +0,95%

29/11/2018 09:45:52

Borsa italiana tonica con prospettive tassi USA. FTSE MIB +0,95%.


Il FTSE MIB segna +0,95%, il FTSE Italia All-Share +0,94%, il FTSE Italia Mid Cap +0,99%, il FTSE Italia STAR +1,11%.

BTP positivi:
il decennale rende il 3,25% (-2 bp sulla chiusura di ieri), lo spread sul Bund è stabile a 292 bp (dati MTS).

Mercati azionari europei in progresso: Euro Stoxx 50 +0,9%, FTSE 100 +0,6%, DAX +0,9%, CAC 40 +1,0%, IBEX 35 +1,0%.

Future sugli indici azionari americani deboli: S&P 500 -0,2%, NASDAQ 100 -0,3%, Dow Jones Industrial -0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +2,30%, NASDAQ Composite +2,95%, Dow Jones Industrial +2,50%.

Mercato azionario giapponese positivo, stamattina il Nikkei 225 ha terminato la seduta a +0,39%. Borse cinesi in ribasso: l'indice CSI 300 (Shanghai e Shenzhen) ha chiuso a -1,30%, l'Hang Seng (Hong Kong) a -0,87%.

Buone performance per i titoli esposti sugli USA dopo che, nell'intervento di ieri pomeriggio al New York Economic Club, il presidente della Fed Jerome Powell ha evidenziato un atteggiamento decisamente più morbido nei confronti dello scenario di rialzi dei tassi USA rispetto a quello di inizio ottobre. In rialzo troviamo quindi STMicroelectronics +3,4%, Ferrari +1,9%, CNH Industrial +2,5%, FCA +1,4%, Buzzi Unicem +1,0%.

Giornata importante oggi per Banco BPM (+2,1%). E' infatti in programma una riunione del cda per la definizione dell'operazione Ace, ovvero la vendita di un maxi pacchetto di crediti deteriorati. L'istituto punta a cedere il massimo della forchetta indicata, ovvero 3,5-8,6 miliardi di euro di npl, più la piattaforma di servicing. Secondo UBS, se la vendita fosse assistita da Gacs (con prezzo al 21-22 per cento), BPM riuscirebbe a mantenete un Cet1 fully loaded dell'11% anche in caso di cessione integrale del pacchetto. Non è chiaro se il cda odierno sceglierà un acquirente tra le tre cordate in gara, oppure se restringerà il cerchio a due concorrenti. Le indiscrezioni sembrano unanimi nel considerare il consorzio Christofferson Robb & Company/Davidson Kempner/Prelios ormai fuori dai giochi: la competizione è quindi tra doBank/Fortress/Illimity e Fonspa/Elliott. Il board prenderà decisioni non solo sul fronte npl ma anche su quello del riassetto del settore credito al consumo, dove BPM è attiva con ProFamily e Agos Ducato, di cui detiene il 39% (Credit Agricole ha il restante 61%). Si ipotizza la vendita di ProFamily ad Agos e la contestuale stipula di un accordo decennale di distribuzione.

Sale Luxottica (+1,5%): ieri si è conclusa l'OPS promossa da EssilorLuxottica sulle azioni del gruppo di Agordo. EssilorLuxottica ha raggiunto il 93,31% di Luxottica, circostanza che fa scattare l'obbligo di OPA residuale (acquisto da qualunque azionista che ne faccia richiesta delle azioni rimanenti).

In rosso FILA (-5,9% a 14,10 euro) dopo che il cda ha ha approvato i termini e le condizioni finali dell'aumento di capitale da massimi 100 milioni di euro in partenza lunedì prossimo. Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni è pari a 10,48 euro l'una, determinato applicando uno sconto sul TERP del 25,089%.

Gli appuntamenti macroeconomici in agenda oggi: alle 09:55 variazione n° disoccupati e tasso di disoccupazione Germania, alle 10:30 credito al consumo Regno Unito, alle 11:00 indici fiducia eurozona, alle 14:00 inflazione preliminare Germania.
Negli USA alle 14:30 richieste settimanali sussidi disoccupazione, inflazione PCE, redditi e consumi, alle 16:00 indice Pending Home Sales (mercato immobiliare residenziale), alle 20:00 verbali FOMC (Fed).

Simone Ferradini - www.ftaonline.com