Borsa italiana sopra la parità in avvio. FTSE MIB +0,18%

06/07/2018 09:45:38

Borsa italiana sopra la parità in avvio. FTSE MIB +0,18%.


Il FTSE MIB segna +0,18%, il FTSE Italia All-Share +0,20%, il FTSE Italia Mid Cap +0,45%, il FTSE Italia STAR +0,13%.

Mercati azionari europei in lieve rialzo:
Euro Stoxx 50 +0,1%, FTSE 100 +0,2%, DAX 30 +0,1%, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 +0,2%.

Future sugli indici azionari americani poco sotto la parità: S&P 500 -0,1%, NASDAQ 100 -0,1%, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,86%, NASDAQ Composite +1,12%, Dow Jones Industrial +0,75%.

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 stamattina ha chiuso a +1,12%. Borse cinesi in verde: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen poco fa ha terminato a +0,68% circa, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,4% circa. Alla mezzanotte USA (le 6 italiane) sono entrati in vigore nuovi dazi americani su merci cinesi per 34 miliardi di dollari.

Segni positivi nel settore auto con Brembo (+3%)
in evidenza mentre FCA (-0,7%) corregge (ma è reduce dal +5,80% di ieri): l'a.d. Sergio Marchionne nei giorni scorsi ha subito un intervento chirurgico alla spalla destra ed è ora in fase di recupero. Il comparto beneficia ancora delle indiscrezioni di ieri del tedesco Handelsblatt: l'ambasciatore statunitense a Berlino Richard Grenell in un incontro segreto con i vertici di Daimler, Volkswagen e BMW, avrebbe proposto una rinuncia degli States e promessi dazi sulle auto importate dall'Europa in cambio di una rimozione totale dei dazi sull'auto sia da parte dell'Europa che degli Stati Uniti.

Bene Mediaset (+2%) all'indomani della presentazione del palinsesto 2018/2019. L'a.d. Pier Silvio Berlusconi, ha parlato di raccolta pubblicitaria in crescita del 2% nel primo semestre 2018, di una prossima alleanza paneuropea e di possibile ritorno al dividendo sul bilancio 2018. Il manager ha escluso l'ipotesi di fusione con TIM (+0,1%).

Quest'ultima beneficia della decisione del Tar del Lazio che ha confermato la sospensione alla multa da 74 milioni di euro inflitta al gruppo telefonico dalla presidenza del consiglio per la mancata comunicazione del controllo da parte di Vivendi nell'ambito della disciplina del golden power. MF parla anche si un accordo della controllata Sparkle in Tunisia.

Non si ferma l'ascesa di Juventus FC (+8%), con il titolo sui massimi da maggio 2017. Sembra sempre più probabile l'ingaggio di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid.

In rosso Prysmian (-1,2%): Norges Bank ha ridotto la sua partecipazione dal 4,6% al 2,7%.

Salvatore Ferragamo (-1,2% a 19,71 euro) prosegue nel suo movimento ribassista e tocca i minimi da novembre 2016. Ieri il titolo era stato penalizzato dai report di MainFirst e JP Morgan: oggi tocca a Kepler Cheuvreux ridurre il target da 22,50 a 19,00 euro, con raccomandazione reduce confermata.

Per quanto riguarda gli appuntamenti macroeconomici in agenda oggi, alle 10:00 vendite al dettaglio Italia.
Negli USA alle 14:30 nuovi occupati e bilancia commerciale.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com